“Dopu li festi” di Maria Cristina Adragna

172081

DOPU LI FESTI

Aspetti pi un annu c’arriva Natali
sperannu di nesciri fora r’ì guai,
ma certi cristiani la pigghianu mali…
sti jorna unn’avissiru a beniri mai.

Però ,car’amici, lassatimi diri
chi dopu li festi si senti un vacanti,
e puru cu rici c’aviss’ a finiri
ripigghia ù sirvizzu cu tanti rimpianti.

È chissu ù riscursu ,c’è picca di fari,
la festa assimigghia a na bedda poesia
chi quannu a la scola ni l’avìamu a ‘nsignari
parìa veramenti nà gran camurria.

Ma poi era bellu sapilla a memoria,
è chissa la sula e la gran virità,
e comu li cosi chi fannu la storia
arrestanu dintra pi l’eternità.

Li festi ni passanu allatu ogni annu
e tennu n’ta i manu lu fogghiu ri via,
perciò, araciu araciu, accussì si ni vannu,
lu jornu precisu di l’Epifania…

Maria Cristina Adragna

DOPO LE FESTE
Aspetti per un anno che arrivi Natale, sperando di uscire fuori dai guai, ma certe persone la prendono male, questi giorni non dovrebbero mai arrivare. Però, cari amici, lasciatemi dire che dopo le feste si avverte un senso di vuoto, e pure chi dice che dovrebbero finire, riprende il lavoro con tanti rimpianti. È questo il discorso, c’è poco da fare, la festa somiglia ad una bella poesia, che quando a scuola dovevamo impararla ci sembrava una grande incombenza. Ma poi era bello saperla a memoria, è questa la sola e la gran verità e come le cose che fanno la storia, rimangono dentro per l’eternità. Le feste ci passano accanto ogni anno e tengono nelle mani il foglio di via perciò, piano piano, così se ne vanno, il giorno esatto dell’Epifania…

Clicca sul link qui sotto per leggere lil mio articolo precedente:

Previous articleÈ normale aver paura
Next articleIl ristoro di Perla e il cane Bartolo (Parte 2a)
Siciliana, nasco a Palermo e risiedo ad Alcamo. Nel 2002 conseguo la Maturità Classica e nel 2007 mi laureo in Psicologia presso l'Università di Palermo. Lavoro per diverso tempo presso centri per minori a rischio in qualità di componente dell'equipe psicopedagogica e sperimento l'insegnamento presso istituti di formazione per operatori di comunità. Da sempre mi dedico alla scrittura, imprescindibile esigenza di tutta una vita. Nel 2018 pubblico la mia prima raccolta di liriche dal titolo "Aliti inversi" e nel 2019 offro un contributo all'interno del volume "Donna sacra di Sicilia", con una poesia dal titolo "La Baronessa di Carini" e un articolo, scritti interamente in lingua siciliana. Amo anche la recitazione. Mi piace definire la poesia come "summa imprescindibile ed inscindibile di vissuti significativi e di emozioni graffianti, scaturente da un processo di attenta ricerca e di introspezione". Sono Socia di Accademia Edizioni ed Eventi e Blogger di SCREPmagazine.

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here