Congresso Iberoamericano a Cuba con Filitalia e Kalabriatv

223964

Saranno nuovamente kalabriatv.it e il chapter di Vibo Valentia della Filitalia International a
rappresentare l’Italia nel Congresso Iberoamericano che si svolgerà a Cuba dal 24 al 30 ottobre prossimo.

Per kalabriatv.it e Filitalia è la seconda volta che sono chiamate a rappresentare il
Belpaese nell’appuntamento culturale organizzato dalla Casa de Iberoamérica di Holguin, diretta da Isairis Rojas Paris.

Lo scorso anno il tema principale era Cristoforo Colombo e le migrazioni e per
l’occasione intervennero l’antropologo Pino Cinquegrana e il direttore di kalabriatv.it Nicola
Pirone.

Quest’anno il Congresso Iberoamericano si occuperà dei 30 anni della fondazione, con il Festival che è diventato un progetto dove eventi teorici, artistici, comunitari e socio-culturali si incontrano, favorendo di volta in volta gli scambi, mantenendo vivo lo spirito consapevole che
anche l’arte salva.

E, in questo contesto entrano di diritto Kalabriatv e Filitalia Vibo, che con Casa de Iberoamérica, grazie alla collaborazione di Liliana Avilés Sánchez.

Specialista in Relazioni Internazionali ha allacciato diverse attività.

Una su tutte lo studio dell’emigrazione italiana.

Nel festival di Holguin, inoltre, viene privilegiato un movimento artistico rinnovatore e all’avanguardia, che trasforma la festività nel contesto ideale per un incontro di culture in spazi diversi.

Il programma stilato dagli organizzatori sarà così composto: XVIII Congresso Iberoamericano del Pensiero, colloquio di letteratura iberoamericana, esposizione
Iberoamericana di Arti Plastiche, campione dell’audiovisivo iberoamericano, Iberocuento,
Iberoarte, Centro Culturale Iberico, Casa del Taita, Centro America Latina e Caraibi, brigate
Artistiche Internazionali.

L’approfondimento del programma sarà pubblicato nelle prossime settimane dalla webtv dei Calabresi nel mondo www.kalabriatv.it.

Previous articleBuon compleanno “Mito”
Next articleBasta Yulin! Fermiamo il massacro
Sono Maria Luana Ferraro, consulente aziendale e mi occupo anche di finanza personale. I calcoli sono il mio lavoro, le parole la mia passione. Fin da bambina, anziché bambole e pentoline, chiedevo libri, quaderni e penne. A sei anni ho ricevuto la mia prima macchina da scrivere. Appassionata di letteratura italiana e straniera, il mio più grande sogno è sempre stato diventare giornalista. Sogno che, piano, si sta realizzando. Socia fondatrice della “Associazione Accademia & Eventi”, da agosto 2018 collaboro con “SCREPMagazine” curando varie rubriche ed organizzando eventi. Fare questo mi permette di dare risalto a curiosità e particolarità che spesso sfuggono. Naturalmente, in piena coerenza con ciò che è il mio modo di interpretare la vita…eccolo: “Quando la mente è libera di spaziare, i confini fisici divengono limiti sottili, impercepibili. Siamo carcerieri e carcerati di noi stessi. Noi abbiamo le chiavi delle nostre manette. La chiave è la conoscenza: più conosci, più la mente è libera da preconcetti e ottusità. Più la mente è aperta, più si ha forza e coraggio così come sicurezza. Forza, coraggio e sicurezza ti spingono a tentare l’impossibile affinché divenga possibile.”

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here