Arianna Diano e la sua musica

139877

Rooftop: il viaggio nella Grande Mela che diventa una canzone.

Esattamente un anno fa, finivamo di girare il videoclip di Rooftop, il mio ultimo singolo.
Non tutti sanno che il brano nasce al rientro del mio ultimo viaggio nella Grande Mela.

Il testo infatti, liberamente ispirato ad eventi accaduti durante quel viaggio, fa riferimento in particolare ad una serata, dove, su invito di un amico “digitale” Gaetano Castaldo, che solo un anno dopo ho conosciuto di persona in italia, presi parte ad uno dei più consueti eventi del PHD Terrace: l’Aperitivo Tuesdays.

L’atmosfera percepita, come anche gli incontri fatti lì in quell’occasione, mi fecero subito pensare che, in qualche modo misterioso, l’evento avesse scelto me, e non il contrario.

Non a caso infatti, da quella sera in poi, il mio viaggio partito non proprio nel migliore dei modi, cambiò improvvisamente rotta, trasformandosi in una piccola costellazione di eventi positivi.

Una scia che ha continuato a brillare dal Rooftop fino al mio ritorno in Italia dove, proprio grazie a questo brano sono riuscita finalmente a firmare il primo contratto con un importante etichetta discografica, e che ancora oggi dà un senso diverso a quella esperienza, e all’ intero viaggio.

Un viaggio sì fisico, ma soprattutto mentale, dove la vera meta è capire chi siamo…o dove ci siamo persi. Un percorso dove possiamo finalmente concretizzare la nostra essenza, quella reale e non convenzionale, lontana spesso dall’ immagine che gli altri hanno di noi e che addirittura noi abbiamo di noi stessi. Ognuno di noi infatti può iniziare il suo viaggio e alla fine di esso ritrovarsi, o ritrovare semplicemente sensazioni dimenticate e questo può accadere in posti impensabili per noi come è successo a me proprio lì su quel Rooftop“.

Assolutamente da visionare il videoclip, girato per ovvi motivi pandemici in Italia ,che pur staccandosi dalla storia in se stessa ,continua a mantenere un fil rouge tra contenuti e continenti che seppur distanti appaiono a tratti molto vicini ,come dimostrato per esempio alla fine del video con il ritrovamento di un bottino appunto in dollari.

Arianna Diano

www.AriannaDiano.it

Clicca per leggere il mio articolo precedente:

Le “Stelle cadenti” di Alessandro Mineo

Previous articleViviamo per lei
Next articleSe la filosofia consola
Nata e vissuta in Calabria, sono diplomata al Conservatorio in chitarra classica e laureata in Giurisprudenza. Ho scelto di abbracciare l'arte e la didattica musicale. Insegnante nei licei musicali, ho partecipato a numerose rassegne nazionali di musica classica, in alcuni casi classificandomi al primo posto. Compositrice e scrittrice, sono da sempre attivamente impegnata in difesa di diritti umani e civili. Ho militato in Amnesty International ed oggi in Arcigay sezione di “Lamezia-Catanzaro-Vibo”. Ho abbracciato con entusiasmo il progetto “SCREPmagazine” già dai suoi primi albori. Mi piace l'essenza delle cose e condividerla.

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here