“Amuri 1950” di Maria Cristina Adragna

213110

AMURI 1950

Vi vogghiu cuntari
di me nanna e me nannu,
na storia chi picca
cristiani la sannu,
è un fattu reali,
affascina e incanta,
successi na lu
millinovicentucinquanta.

Me nanna era bedda
e sempri eleganti
e stava pagghiri
all’Animi Santi,
so patri era anticu,
ma un bravu cristianu
e la purmisi pi zita
a un americanu 

Na sira, me nanna
si misi na vesta,
la megghiu chi avia,
pi ghiri a na festa
e amentri chi la genti
abballava na danza,
ci eru l’ucchiuzzi
nta u funnu ra stanza.

Taliàva a un picciottu
di circa trent’anni,
ma chi a ditta so
paria già chiù granni
e iddu, addunannusi
chi era taliatu,
si susiu di la seggia
e si ci misi a lu latu.

Parraru sulamenti
p’un brevi momentu
ma già, nta lu cori,
nascia un sintimentu
e amentri chi me nannu
ci tuccava la manu
me nanna pinsava all’americanu.

Tant’è chi unnumàni
ci scrissi un bigliettu
dicennu chi un sintia
chiù nenti nta lu pettu
e puru chi s’aspittava
di so patri na gran prerica
pigghià lu bigliettu
e lu spediu al’America.

Però sti picciotti
foru ostacolati,
a nuddu ci ‘nteressava
si eranu innamurati,
ma iddi chi subitu
l’archiata caperu
pigghiaru, na sira,
e si ni fueru.

A di tempi ci fu
cu fici la spia
e s’appiru a maritari
nta la sacristia,
senz’abitu biancu,
avusu du latri,
ma doppu un annuzzu
nascì po’ me matri.

Purtroppu la sorti,
chi è china di inganni,
si purtà via a me nannu
a quarantott’anni,
di tannu me nanna,
cu tantu duluri,
lu pensa ogni ghiornu
a stu so granni amuri.

Me nanna, stairnata,
sapìti chi dissi?
“Di la morti un mi scantu
e un mi dispiacissi…
a ottantaquattr’anni
avissi un disìu ,
di uncimi arrè
cu l’amuri miu.”

Cristina Adragna

(I miei nonni, sei anni fa, sono tornati insieme nel Cielo❤️)

AMORE 1950

Vi voglio raccontare di mia nonna e mio nonno, una storia conosciuta da poche persone, è un fatto reale che affascina e incanta, accadde nel 1950. Mia nonna era bella e sempre elegante e stava verso le “Anime Sante” (zona di Alcamo), suo padre era antico ma una brava persona e la promise in sposa ad un americano. Una sera mia nonna indossò un vestito, il migliore che aveva, per andare ad una festa, e mentre la gente ballava una danza, i suoi occhi si diressero sul fondo della stanza. Guardava un ragazzo di circa trent’anni, ma che a suo dire sembrava già più grande e lui, accordendosi di essere guardato, si alzò dalla sedia e andò al suo fianco. Parlarono soltanto per un breve momento ma già, nel cuore, nacque un sentimento, e mentre mio nonno le toccava la mano, mia nonna pensava all’americano.
Tant’è che l’indomani gli scrisse un biglietto, dicendo che non sentiva più nulla nel petto, e sebbene si aspettasse da suo padre una gran predica, prese il biglietto e lo spedì in America. Ma questi ragazzi furono ostacolati, a nessuno importava che fossero innamorati, così loro, capendo la situazione, una sera fuggirono insieme. Ai tempi ci fu chi fece la spia e dovettero sposarsi in sagrestia, senza abito bianco, come due ladri, ma dopo un anno nacque mia madre.
Purtroppo la sorte, che è piena di inganni, portò via mio nonno all’età di quarantotto anni e da allora mia nonna, con grande dolore, pensa ogni giorno al suo grande amore.
Oggi mia nonna, sapete cosa mi ha detto?
Non ho paura della morte e non mi dispiacerebbe…
a ottantaquattro anni avrei un desiderio,
quello di unirmi, nuovamente, all’amore mio“.

Clicca sul link qui sotto per leggere il mio articolo precedente:

“Il tragitto del sentimento” di Maria Cristina Adragna

Previous articleMaratona “Mare fuori”: incontro con gli attori del cast
Next articleDominica in Palmis
Siciliana, nasco a Palermo e risiedo ad Alcamo. Nel 2002 conseguo la Maturità Classica e nel 2007 mi laureo in Psicologia presso l'Università di Palermo. Lavoro per diverso tempo presso centri per minori a rischio in qualità di componente dell'equipe psicopedagogica e sperimento l'insegnamento presso istituti di formazione per operatori di comunità. Da sempre mi dedico alla scrittura, imprescindibile esigenza di tutta una vita. Nel 2018 pubblico la mia prima raccolta di liriche dal titolo "Aliti inversi" e nel 2019 offro un contributo all'interno del volume "Donna sacra di Sicilia", con una poesia dal titolo "La Baronessa di Carini" e un articolo, scritti interamente in lingua siciliana. Amo anche la recitazione. Mi piace definire la poesia come "summa imprescindibile ed inscindibile di vissuti significativi e di emozioni graffianti, scaturente da un processo di attenta ricerca e di introspezione". Sono Socia di Accademia Edizioni ed Eventi e Blogger di SCREPmagazine.

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here