Altro grande successo della SD Collection di Sonia Demurtas

225349
  • comunicato stampa Sonia Demurtas

La mostra degli artisti del Terzo millennio è stata uno strepitoso successo. Due sale dedicate all’esposizione di opere, ed una carrellata di interviste e lettura di poesie, questa è stata la mattina del 9 marzo a Palazzo Gagliardi, dove si sono succeduti diversi interventi significativi, il dottore Antonino Barone ha presentato l’artista Gregorio Procopio vincitore del premio Arte San Valentino, sono intervenuti poi il Console dei Maestri del lavoro della Calabria Francesco Saverio Capria, e gli assessori del comune di Vibo Valentia Carmen Corrado e Katia Franzè, mentre Sonia Demurtas ha intervistato gli artisti presenti. Nadia Martorano ha ricevuto un Premio Speciale per Merito Artistico, realizzato dallo scultore Tonino Gaudioso, il momento è stato particolarmente coinvolgente ed emozionato, l’artista Martorano era stata anche incaricata da Sonia Demurtas di realizzare delle litografie per gli assessori. Un altro gesto di stima ed affetto che ha reso la mattina ancora più preziosa è stata la consegna di alcune litografie dell’artista Alfredo Campagna.

Importante l’impegno dell’artista  Caterina Rizzo che ha coordinato la consegna di attestati e libri. Particolarmente apprezzate le letture di poesie di Giovanna Santangelo, Domenico Truocchio, Tania Marino, Licia D’Urzo, Vera Console, Anna Callipo, Antonio Franzè, Francesco Antonio Solano. Agli artisti è dato il difficile compito di sognare un mondo migliore, per questo: ogni singola opera d’arte è l’adempimento di una profezia proprio come diceva Oscar Wilde. Sonia Demurtas ha ringraziato gli autori presenti e in particolare modo la pittrice e scultrice Elvira Sirio che ha realizzato la copertina del libro.. Gli autori che hanno partecipato alla mostra si sono ritrovati in un clima di armonia e fratellanza, stupende le opere in sala che hanno ammaliato tutti, tra questi i dipinti e le sculture di Amalia Politi, Tonino Gaudioso, Alfredo Campagna, Alida Nella Punturiero, Sator,  Pasquale Terracciano,  Eleonora Laganà, Gregorio Procopio, Luciano Tigani, Fabio Mascaro, Leonardo Cristofaro, Domenico Virdo’, Francesco Naccari, Cristina Corso,  Francesco Logoteta, Antonella Fortuna, Caterina Rizzo, Nadia Martorano,  Liliana Condemi, Carlo De Nino, Antonio Parisi e Sophia Parisi, Vera Console, con lettura di alcuni testi di Luigi Vicidomini, Carola Catanese, Vincenzo Aruta,  Annamaria Cusato, Rosita Panetta. Il libro presentato è a cura di Sonia Demurtas che ha realizzato sia la parte grafica con il designer di copertina, che la progettazione interna, oltre che le recensioni dei singoli artisti. Gli artisti provenienti dal Premio “Arte San Valentino” hanno partecipato all’evento come ospiti e sono: Licia D’Urzo Morelli (scrittrice e poetessa) ha letto una sua poesia e gli artisti Melina Morelli, Maria Rosaria Valenti, Rosetta Bova, Lilly Calello, Carmen Carioti, Claudio Foti, Antonio Fortebraccio hanno esposto le loro nuove opere. Gli artisti in erba presenti sono stati omaggiati di un volume e di un attestato di partecipazione e sono Miriam Monteleone e Pietro Lopresti.

Previous articleE il viaggio continua…
Next articleLa casa sulla collina
Sono Maria Luana Ferraro, consulente aziendale e mi occupo anche di finanza personale. I calcoli sono il mio lavoro, le parole la mia passione. Fin da bambina, anziché bambole e pentoline, chiedevo libri, quaderni e penne. A sei anni ho ricevuto la mia prima macchina da scrivere. Appassionata di letteratura italiana e straniera, il mio più grande sogno è sempre stato diventare giornalista. Sogno che, piano, si sta realizzando. Socia fondatrice della “Associazione Accademia & Eventi”, da agosto 2018 collaboro con “SCREPMagazine” curando varie rubriche ed organizzando eventi. Fare questo mi permette di dare risalto a curiosità e particolarità che spesso sfuggono. Naturalmente, in piena coerenza con ciò che è il mio modo di interpretare la vita…eccolo: “Quando la mente è libera di spaziare, i confini fisici divengono limiti sottili, impercepibili. Siamo carcerieri e carcerati di noi stessi. Noi abbiamo le chiavi delle nostre manette. La chiave è la conoscenza: più conosci, più la mente è libera da preconcetti e ottusità. Più la mente è aperta, più si ha forza e coraggio così come sicurezza. Forza, coraggio e sicurezza ti spingono a tentare l’impossibile affinché divenga possibile.”

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here