Alla scoperta delle profondità più nascoste (Parte 8a)

142230

Per leggere la puntata precedente clikka sull’immagine qui sotto:

Suor Deodora, dopo svariate ricerche ed informazioni, è riuscita a venire in possesso del fascicolo di Ilaria che, oltre ai dati anagrafici della ragazza, conteneva la lettera della madre naturale che dava la motivazione per cui aveva abbandonato la figlia, e chiedeva che fosse chiamata con l’omonimo suo nome, “Ilaria”.

La Madre Badessa, essendo in età molto avanzata, prima di morire aveva lasciato alcune righe in cui spiegava che, tramite svariate ricerche, era risalita, negli anni, alla madre naturale di Ilaria, la quale, nel frattempo, si era sposata ed era andata a vivere a Gallarate.

Purtroppo non era riuscita a mettersi in contatto con lei, perchè inaspettatamente è venuta a mancare, e da allora, nessuno era mai venuto a conoscenza di nulla.

Che mistero è mai la vita!

Quindi Ilaria non farneticava, nel sogno…qualcosa di reale c’era!!!

Ecco perchè la nostra giovane protagonista, oggi si trova a Gallarate.

Purtoppo non è stata fortunata; le vicissitudini che si sono susseguite, dallo stupro, alla perdita di memoria, oggi la rendono inerme e inconsapevole di chi sia realmente…questo, purtroppo, complica le cose.

Intanto i genitori adottivi continuano le ricerche.

Nessun indizio da seguire. Le indagini fatte dalla polizia, fino ad oggi, non hanno dato alcun esito.

Sembra che la ragazza abbia fatto perdere le sue tracce.

Ma chi potrebbe immaginare dove si trovi Ilaria, al momento?

Rubinia è disperata, continua a pregare, ma in alcuni momenti è in bilico di perdere la fede.

Il padre, al contrario di lei, spera che non venga ritrovata o addirittura che sia morta.

Sarebbe un bel guaio, per lui!

Tutto verrebbe a galla e, a parte lo scandalo, rischierebbe la prigione.

Per questo sta indagando di nascosto per ritrovarla, e farla fuori.

Non avrebbe scampo, se la verità venisse a galla…

Che obbrobrio!

I giorni passano e Ilaria poco per volta si va riprendendo.

Adesso riesce a muoversi, alzarsi dal letto e passeggiare per la stanza.

Ha ancora qualche ematoma, ma importante adesso è… che sia fuori pericolo…

C O N T I N U A…

Grazia Bologna

Clikka sul link qui sotto per leggere il mio articolo precedente…

Previous articleE vai col liscio!
Next articleCozze al gratin
Mi chiamo Grazia Bologna e vivo a Palermo. Affascinata sin da piccola dallo scrivere, ho rafforzato il mio “Estro Artistico” ispirandomi, soprattutto, all’Amore verso la Vita e alla Foto. Adoro tutto ciò che è arte. A volte posso rimanere ore ed ore ad ammirare un quadro ed emozionarmi. Amo viaggiare perché mi porta ad esplorare nuove culture, ma sono orgogliosa di vivere nella mia amata Sicilia che mi regala paesaggi di mare che, per me, sono un’immensa fonte d’ispirazione. Ho partecipato a vari Concorsi di Poesie e Racconti in cui ho raggiunto, per ben due volte il Podio, ed ho ricevuto varie menzioni e premi speciali. Imprenditrice in attività di Call Center, ho condotto trasmissioni televisive e radiofoniche in emittenti regionali private, trattando varie problematiche legate alla famiglia. Da Marzo 2018 collaboro con “ScrepMagazine” come Socio di Accademia Edizioni ed Eventi curando la rubrica “Racconti di Vita Vissuta” e trattando argomenti vari.

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here