Alla scoperta delle profondità più nascoste (Parte 39a)

199172

Per leggere la puntata precedente clikka sull’immagine qui sotto:

…Frank si appresta a fare il giuramento, e con il capo chino attende di essere interrogato.

Nell’aula, la tensione è molto alta, sono tutti curiosi di ascoltare la deposizione di quell’essere spregevole, di quel mostro di uomo e depravato.

Solo negli occhi di Rubinia si intravede molta amarezza e tanto dispiacere!

Non avrebbe mai immaginato che colui che ha tanto amato, potesse arrivare a commettere tali azioni disonorevoli.

Ecco finalmente l’avvocato Soldano interrogarlo con molta durezza, al punto da intimidirlo e, per la prima volta, Rubinia vede il marito in grande difficoltà, al contrario di quello che aveva immaginato.

Frank sembra una pecorella smarrita!

Senza un minimo tentativo di difendersi, l’uomo ammette di essere colpevole, di essere pentito, e scoppia in lacrime chiedendo perdono e pietà, sia ad Ilaria che alla moglie.

Tutti rimangono sbigottiti!

Nell’aula si crea un momento di confusione…I presenti si sentono disorientati…Nessuno si aspettava quella deposizione, tanto meno gli avvocati…

Dal momento che Frank ha ammesso le proprie colpe, è ovvio che il processo non ha più motivo di andare oltre, cosicchè gli avvocati difensori delle rispettive parti, pronunciano l’arringa finale e cercano di colpire sul piano emotivo la giuria.

Il giudice Petroni, dopo avere assistito a tali eventi, interviene invitando i giurati a ritirarsi per sentenziare.

Ilaria e Rubinia si guardano senza riuscire a dire una parola.

La ragazza legge, negli occhi della donna, la gioia di chi nutre la speranza di ritrovare l’uomo che un tempo l’ha tanto amata; ed è per questo che Ilaria non vuole spezzare quell’incantesimo, ma è ovvio che per lei non potrà mai esserci perdono, nei confronti di Frank.

Egli ha segnato per sempre il suo destino, e qualora il processo sarò concluso, partirà insieme a Robert per avere un nuovo inizio con l’uomo che ama…

C O N T I N U A…

Grazia Bologna

Clicca sul link qui sotto per leggere il mio articolo precedente:

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here