Si trascina lento il tuo ricordo: un po’ di te nella mia mente, come fosse una nuvola che passeggia tra i miei pensieri.

E poi un po’ di te, adesso, qui, sulla mia pelle, come fosse una patina vellutata su cui soffia una timida brezza.

E poi, ancora, un po’ di te sparso fra le mie stelle spente in cerca del tuo cielo.

Ho ancora il cuore pieno di te: sei una carezza leggera che spezza la mia solitudine.

Sono bui i miei giorni senza i tuoi occhi, senza quell’alta marea che mi portava lontano.

Ho bisogno di navigare il tuo ricordo.

Ho deciso di continuare ad amarti anche se mi restassero solo mille echi del nostro amore.

È forse questa la sorte di chi ama?

Pendere dagli occhi, dal sorriso, dalla bocca, dalla vita di qualcuno, per camminare insieme lungo la stessa lunghezza d’onda?

Piera Messinese

Sì ringrazia Graziella Ciliberto per il dipinto

Articolo precedenteIl mondo di Naruto
Articolo successivoFilippo De Pisis (parte seconda)
Piera Messinese
Sono nata il 13 Novembre del 1966 a Lamezia Terme, in Calabria, ove risiedo. Sono sposata ed ho una figlia. Se dovessi scegliere un attributo che possa caratterizzarmi, questo sarebbe “eclettica”. Sono “governata da uno spirito fortemente versatile” che mi dà energia, per cui mi sento letteralmente assetata di nuovi stimoli. Sono innamorata della scrittura da sempre e la mia formazione classica ha contribuito a mantenere vivo in me tale sentimento. Grazie alla passione per i classici latini e greci in primis ed in seguito agli studi universitari in Medicina e Chirurgia, ho potuto rendere creativa la mia elasticità mentale. Ma “illo tempore fu il Sommo” a rubarmi il cuore e così “Galeotta fu la Divina". Amo, quindi, leggere e scrivere e ritengo che ciò sia fondamentale per la crescita di ogni individuo. Flaubert diceva: _”Non leggete, come fanno i bambini, per divertirvi o, come fanno gli ambiziosi, per istruirvi. No, leggete per vivere.”… Sono Socia Fondatrice di “Accademia Edizioni ed Eventi”, Associazione culturale con sede a Roma che si occupa di cultura e di promuovere il talento. Scrivo su SCREPmagazine, rivista dell'Associazione, su cui curo varie rubriche.

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui