Mi volterò
e sarai lì.
Nuda .
Fremente
come il sole
che appare dietro le nubi. 
Mi accecherai
con la tua danza immobile
mi condurrai a sognare
cosa accadrà. 
Ma non sarà mai bello
come quando le mie dita
attraverseranno il confine invisibile. 
Tra le mie braccia
il fuoco sembrerà ghiaccio
e tu l’infinita onda
che mi sommerge. 
Imparare le tue nuove fantasie
ascoltare le tue parole sconce
dimenticare tutto
divorarti restando affamato. 
Sarà piacere
fin quando
ti rivedrò vestita
e il mio solo desiderio
sarà voltarmi per ricominciare, 
in un loop infinito in cui perdersi
per ritrovarsi avvinghiati
in un labirinto senza uscita… 

Maurizio Gimigliano © Copyright 2020

Articolo precedenteLettera a me stessa
Articolo successivoLa pandemia del nuovo millennio
Maurizio Gimigliano
Sono Maurizio Gimigliano, ingegnere chimico da sempre appassionato d’arte. Forse essere sempre a contatto con formule e numeri ha fatto emergere la necessità di esprimere la parte creativa nascosta dentro me. E dopo anni di strumenti musicali (chitarra e sax), ho iniziato a scrivere poesie d’amore provando a descrivere le emozioni e le sensazioni che si vivono nelle varie situazioni ed esperienze amorose. Amore inteso in ogni sua forma ed espressione purché sentimento intenso e coinvolgente. Dal 2018 scrivo su SCREPmagazine e sono socio di Accademia Edizioni ed Eventi.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui