Ci sentiamo onde prigioniere del mare,
germogli sopiti nei brividi d’inverno,
farfalle legate al vento.

Siamo la primavera che ingorga il tempo,
rondini che s’impigliano al cortile del cielo,
sguardi che tacciono i loro destini
esonerati dalla Vita che muta e tace.

Ma torneremo a fiorire, a volare, a respirare
alla profondità naturale della luce dell’alba.

Riprenderemo a camminare
nella feconda terra del presente.

Ricominceremo da qui,
da noi.

Presto.

Tutti insieme.

Come un campo di girasoli.

📷✍️Federica Rainaldi

Buongiorno 🌈🍀

Articolo precedenteStrani amori
Articolo successivoLa “mia Bergamo”
Federica Rainaldi
Sono Federica Rainaldi. Scrivo per passione, ma non sono una scrittrice. Ho frequentato il Liceo Scientifico solo per capire che la mia strada era un'altra. Ho perseguito, infatti, la laurea in Scienze dell'Educazione perché sono sempre stata affascinata da tutto ciò che riguarda la sfera emotiva, emozionale e soprattutto umana di ogni uomo. Amo leggere, fotografare angoli di Mondo e scrivere specie poesie; i miei versi, spesso ma non sempre, raccontano la bellezza della mia Terra d'Abruzzo. Mi diletto anche nella formulazione di aforismi e riflessioni personali.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui