Blogger per un giorno” continua con Alessia Nobile

Tornerà Primavera

È già primavera, la stagione che attendo con gioia durante l’anno, quella che più mi piace rispetto alle altre.

Il periodo della rinascita, dei progetti estivi e delle passeggiate in bicicletta.

Guardo dall’alto della mia dolce casa, il sole che riflette sui vetri della porta che dal salotto si affaccia al balcone.

Sorrido nostalgica, cade una lacrima…”ma come, piango in primavera? No, non posso!” mi dico, asciugandomi le lacrime con un fazzoletto di lino.

Vado a sedere, prendo il mio telefono cellulare e improvvisamente si illumina lo schermo.

Sulla home di facebook, mi appare una bellissima immagine, anzi direi un disegno in bianco e nero.

É il profilo di una bellissima donna, completamente nuda.

Dietro il suo fianco esplode, se pur parzialmente nascosta, una sagoma familiare.

La osservo bene, è proprio lei la splendida Italia.

Un mio amico Pasquale Magarelli ha realizzato questo magico bozzetto col nome “Italia che ti difendi“, poi ci ha scritto così: “lei umiliata e ridotta a nulla, continua a restare in piedi“.

I miei occhi ancora lucidi, s’infiammano di meraviglia, prendo un foglio e una penna e decido di scrivere una lettera alla mia amata e splendida Terra.

Cara Italia mia,

vederti così bella e perfetta al fianco di una donna, disegnata nella tua semplice naturalezza, mi ha emozionata tantissimo.

Quella donna al tuo fianco potrei essere io, ed è per questo che ti scrivo.

Tu non sai quante volte mi hanno invitata a lasciarti.

Mi dicono che sei piccola e tanto chiusa da non poter integrare nessuno…

Mi dicono che sei razzista, invece hai sempre accolto tutti.

Mi dicono di non fidarmi, perchè in nessun angolo del tuo stivale c’è posto per una come me.

Ma io non gli ho mai creduto.

Non mi sono mai fidata di chi disprezza qualcuno o qualcosa senza prenderne le distanze.

L’Italia che mi hanno sempre sbattuto in faccia, quella che mi hanno descritta, non sei tu.

Quello è il pensiero degli uomini, di alcuni tuoi abitanti, è il frutto del loro contorto pregiudizio e dell’ipocrisia.

Che dirti, quest’oggi siamo affrante, è un brutto momento per entrambe.

Siamo state spogliate della nostra serenità, del nostro sorriso.

Siamo state avvolte dalla paura e dall’angoscia.

Ma non siamo state private della nostra dignità e integrità.

In fondo siamo molto simili. Abbiamo vissuto rivolte interne ed esterne, burrasche e tanti cambiamenti.

Abbiamo sofferto, gioito e non abbiamo mai smesso di sperare. Ci siamo costruite nel tempo, attraversando la vita e superando gli ostacoli.

E non sarà mica questo nemico invisibile a spegnerci! No, perchè siamo state sempre baciate dal sole e felicemente circondate dal mare.

Sai cosa mi manca? Mi mancano gli abbracci e i miei amici. Mi manca poter uscire. 

Mi manca poter viaggiare per poterti scoprire ancora e meravigliarmi delle bellezze nascoste che possiedi in ogni parte.

Mi manca vederti colma di gente e piena di vita. Mi manca ogni angolo del tuo splendido stivale.

Cara Italia mia. 

Noi vinceremo questa ennesima battaglia, abbiamo ancora tanto da stupire.

Torneremo a splendere. Ci riprenderemo il nostro abito e lo indosseremo per tornare a vivere le feste e la musica. Tornerai ad essere meta ambita dei visitatori e anche questo periodo farà la storia delle nostre vite.

E quando ritorneremo a vivere le nostre giornate, forse sarà già estate e alzando lo sguardo al cielo vedremo le rondini spaventate dal rumore di un aereo tornato a volare.

Adesso ti prometto: giuro che non andrò mai via da te, cara Terra mia.

E forse da oggi, nessuno più mi chiederà di lasciarti, perchè il mondo in questo momento è uguale in ogni parte.

Alessia Nobile

Tutto il materiale pubblicato è fornito dall’Autore che ne garantisce la paternità svincolando ScrepMagazine da qualsiasi rivendicazione di terzi.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui