Te ed Io come sorelle gemelle – (Parte 20a)

110649

Come di consueto Nicole è in compagnia di amici e la invita ad unirsi a loro.

Ma Nathalie, scottatta dall’ultima volta che sono state insieme, si rifiuta, dicendo loro che deve raggiungere un amico, per cena.

Dentro di sè avverte una certa repulsione verso quella donna…La guarda con aria indignata, e ancora adesso, non riesce a credere che abbia fatto all’amore con lei…Meglio non pensare!

Finalmente riesce a liberarsi e s’incammina nuovamente da sola, senza fermarsi mai…

Da lontano  sente il rumore assordante di un aereo che sorvola il cielo ingrigito e cupo, per la nebbia.

Comincia a fare freddo, è già ora tarda e decide di chiamare un taxi per rientrare in casa.

Stanca e sfinita, non appena varca la soglia della porta,  si dirige verso il letto e ci si butta di botto, a pancia in giù, lasciando sporgere i piedi fuori, mentre le scarpe le scivolano per terra, facendo un rumore assordante nel silenzio della notte.

Nathalie si addormenta subito, senza  nemmeno svestirsi, e comincia a sognare.

Sogna la notte, il cielo terso di stelle e le lucciole che illuminano il creato.

Di fianco a lei è un bellissimo uomo dalla pelle ambrata. Insieme volgono lo sguardo al cielo e alzando i pollici verso le stelle, esprimendo un desiderio…quello di restare insieme, per sempre. Una promessa d’amore che li avrebbe unti oltre la morte.

Quel sogno l’ accompagna per tutto il sonno, e al suo risveglio, il volto di quell’uomo lo ha impresso nella mente. Quel  viso le è familiare, ma  in quel momento non riesce ad identificarlo.

Si dice che i sogni siano il riflesso dei nostri pensieri e magari, chissà, qualcosa di bello, di magico, potrebbe accaderle…Tutto da scoprire!

Il mattino seguente, essendosi svegliata con aria soddisfatta e il volto sereno, decide di uscire per fare la spesa, ma prima si sofferma al bar che si trova all’entrata principale del supermercato e, mentre con aria distratta cammina,  si scontra con una figura maschile del tutto familiare…

<<Ma come è possibile? E’ lui, l’uomo del sogno!…>>

E’ il medesimo uomo che giorni prima le aveva suonato alla porta di casa, ed  incrociato nel parco, la sera dopo>>.

<<Questo è un segno del destino!>>…Pensa Nathalie fra sè e sè, mentre incrociando lo sguardo di lui gli mostra un sorriso smagliante…

C O N T I N U A…

Grazia Bologna
Previous article“Anticorpi culturali” un pensiero al giorno a cura di E. Cheloni
Next article“Un virus come lezione di vita” di Francesco Giannetti
Mi chiamo Grazia Bologna e vivo a Palermo. Affascinata sin da piccola dallo scrivere, ho rafforzato il mio “Estro Artistico” ispirandomi, soprattutto, all’Amore verso la Vita e alla Foto. Adoro tutto ciò che è arte. A volte posso rimanere ore ed ore ad ammirare un quadro ed emozionarmi. Amo viaggiare perché mi porta ad esplorare nuove culture, ma sono orgogliosa di vivere nella mia amata Sicilia che mi regala paesaggi di mare che, per me, sono un’immensa fonte d’ispirazione. Ho partecipato a vari Concorsi di Poesie e Racconti in cui ho raggiunto, per ben due volte il Podio, ed ho ricevuto varie menzioni e premi speciali. Imprenditrice in attività di Call Center, ho condotto trasmissioni televisive e radiofoniche in emittenti regionali private, trattando varie problematiche legate alla famiglia. Da Marzo 2018 collaboro con “ScrepMagazine” come Socio di Accademia Edizioni ed Eventi curando la rubrica “Racconti di Vita Vissuta” e trattando argomenti vari.

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here