Perche non mi racconti i tuoi sogni
e non apri le valigie
che ti porti dietro
per non mettere radici?

Perché non ti stendi qui vicino
e non mi guardi negli occhi
senza la paura
che possa
improvvisamente sparire?

L’amore lo riconosci subito
perché in silenzio
ti squassa dentro
allarga le crepe dei dubbi
sconvolge i pensieri
e diventa padrone assoluto.

E poi l’amore fa troppa paura
e noi al massimo
lo guardiamo di lato
sempre pronti a scappare via
a nasconderci nel normale.

Questa volta però
ti sono di fronte
soffiando lontano le nuvole.

Se mi sorridi basterà
ma se mi stringi capirò. 

E innaffiero’ le mie radici…

Maurizio Gimigliano © Copyright 2020

Articolo precedente“Papà” di T. Nechita
Articolo successivoSolo coincidenze?
Maurizio Gimigliano
Sono Maurizio Gimigliano, ingegnere chimico da sempre appassionato d’arte. Forse essere sempre a contatto con formule e numeri ha fatto emergere la necessità di esprimere la parte creativa nascosta dentro me. E dopo anni di strumenti musicali (chitarra e sax), ho iniziato a scrivere poesie d’amore provando a descrivere le emozioni e le sensazioni che si vivono nelle varie situazioni ed esperienze amorose. Amore inteso in ogni sua forma ed espressione purché sentimento intenso e coinvolgente. Dal 2018 scrivo su SCREPmagazine e sono socio di Accademia Edizioni ed Eventi.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui