“Sai che io ci sono” di Maria Cristina Adragna

150745

SAI CHE IO CI SONO

Dove andrai, da oggi in poi,
con la mente sguarnita
dal pensiero che esisto?
Da nessuna parte che il mondo proponga,
poiché sai che io ci sono.

L’impazienza imbelletta
i tuoi fragili sentori
e tu di me hai un ricordo ben forgiato
da un amore lascivo,
da un turbamento profondo e tanto atteso,
dal sapore intenso del desiderio sublime,
che non hai ancora interamente sorseggiato.

Ma esonderà sovrana la folle tenerezza,
imploderemo nell’intimo
dell’intreccio ricercato,
s’accheterà silente
ogni intollerabile lancetta
e questi cieli irrideranno la presunta
fugacità dell’incontro interminato.

Sei uno scampolo di beltà infinita
che s’aggrappa alla mestizia
della greve lontananza,
e desidero tempo indefinito per dimostrarti
quanto io t’abbia voluto,
quanto io t’abbia cercato,
quanto la vita fu gretta ed amara…
E quanto tu mi sia mancato.

Maria Cristina Adragna

Clicca il link qui sotto per leggere il mio articolo precedente:

Previous articlePeperoni ripieni al forno
Next articleNel mare
Siciliana, nasco a Palermo e risiedo ad Alcamo. Nel 2002 conseguo la Maturità Classica e nel 2007 mi laureo in Psicologia presso l'Università di Palermo. Lavoro per diverso tempo presso centri per minori a rischio in qualità di componente dell'equipe psicopedagogica e sperimento l'insegnamento presso istituti di formazione per operatori di comunità. Da sempre mi dedico alla scrittura, imprescindibile esigenza di tutta una vita. Nel 2018 pubblico la mia prima raccolta di liriche dal titolo "Aliti inversi" e nel 2019 offro un contributo all'interno del volume "Donna sacra di Sicilia", con una poesia dal titolo "La Baronessa di Carini" e un articolo, scritti interamente in lingua siciliana. Amo anche la recitazione. Mi piace definire la poesia come "summa imprescindibile ed inscindibile di vissuti significativi e di emozioni graffianti, scaturente da un processo di attenta ricerca e di introspezione". Sono Socia di Accademia Edizioni ed Eventi e Blogger di SCREPmagazine.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here