“Risveglio agreste” di Maria Cristina Adragna

120790

Profumi soavi, fragranze immolate alla beltà del Paradiso, amabili brezze, respiro carezzevole. Questa è la sacralità della campagna, assetata di sole e desiderosa di seduzione.

RISVEGLIO AGRESTE

Verseggia la campagna
in balia di fioche luci,
preludio d’un lieto giorno
che ha il sapor
di pane e miele,
cogliesti brevi accenni
di leggiadre sinfonie
che guizzano in concerti
senza arpe né chitarre.
Perdio, silente luna!
Così ti dileguasti?
Il candido albeggiare
non mostrò pietà e clemenza,
sparisti tra le fronde
verdi come gli smeraldi,
nell’intima certezza
d’affiorare all’imbrunire.
La vorticosa danza
di farfalle iridiscenti
adorna quei canneti
che obbediscono alle brezze,
lo sguardo s’avventura
al di là di poche siepi,
simulatrici goffe
di sabbiose e vaste dune.
L’incedere imperterrito
di infauste rimembranze
insidia debolmente
ogni tuo risveglio agreste,
ti basti rimirar
della natura la bellezza
e la magnificenza
di una coltre d’alte spighe.
Inoltrati nel vento
che ha il profumo della terra,
le piogge non recenti
benedissero ogni zolla,
sacralità ancestrali
hanno ormai fissa dimora
nei pressi di quei solchi
carezzati dall’aratro…

Previous article“I miei tramonti” di F. Rainaldi
Next articleI cartoni animati più visti di sempre
Siciliana, nasco a Palermo e risiedo ad Alcamo. Nel 2002 conseguo la Maturità Classica e nel 2007 mi laureo in Psicologia presso l'Università di Palermo. Lavoro per diverso tempo presso centri per minori a rischio in qualità di componente dell'equipe psicopedagogica e sperimento l'insegnamento presso istituti di formazione per operatori di comunità. Da sempre mi dedico alla scrittura, imprescindibile esigenza di tutta una vita. Nel 2018 pubblico la mia prima raccolta di liriche dal titolo "Aliti inversi" e nel 2019 offro un contributo all'interno del volume "Donna sacra di Sicilia", con una poesia dal titolo "La Baronessa di Carini" e un articolo, scritti interamente in lingua siciliana. Amo anche la recitazione. Mi piace definire la poesia come "summa imprescindibile ed inscindibile di vissuti significativi e di emozioni graffianti, scaturente da un processo di attenta ricerca e di introspezione". Sono Socia di Accademia Edizioni ed Eventi e Blogger di SCREPmagazine.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here