“Quannu Diu ni vosi beni” di Maria Cristina Adragna

168943

QUANNU DIU NI VOSI BENI

Comu fu chi ti nascìu?
Ciuri friscu, tu lu sai!
Senza chi canusci omu,
nuddu t’ha tuccatu mai.

Chi Giuseppi è u patri veru
lu ricisti a li pasturi,
ma lu cori grira e sapi
ch’iddu è figghiu ru Signuri.

Accuttuttu è assai cuntenti,
nun ci pari un gran castìu
e ogni tantu strinci i renti
si di tia havi disìu.

Du nutricu è bisugnusu
ri carizzi e ‘nzignamentu,
di cannili rinfurzati
chi un s’astutanu a lu ventu.

Quannu Diu ni vosi beni
si scippau i so stessi vini,
pi sarvarini ru ‘ nfernu,
pi tagghiari sti catini.

Ma nuvatri un fummu boni
a lavarini cu sangu,
e fitenti n’ affucamu,
agghiuttennu acqua e fangu.

Maria Cristina Adragna

QUANDO DIO CI VOLLE BENE

Com’è che è nato? Fiore fresco, tu lo sai! Senza che tu conosca uomo, nessuno ti ha toccata mai. Che Giuseppe è il vero padre lo hai detto ai pastori, ma il cuore grida e sa che è il figlio del Signore. Nonostante tutto è molto contento e non gli sembra un gran castigo e ogni tanto stringe i denti ,se ha voglia di te. Quel neonato necessita di carezze e di insegnamento, di solide candele che non si spengano al vento. Quando Dio ci volle bene si strappò le sue stesse vene per salvarci dall’inferno, per rompere le catene. Ma noi non siamo stati in grado di lavarci col suo sangue e fetenti soffochiamo, inghiottendo acqua e fango.

Clicca sul link qui sotto per leggere il mio articolo precedente:

Previous articleChe il silenzio abbia inizio…
Next articleDelirio di onnipotenza
Siciliana, nasco a Palermo e risiedo ad Alcamo. Nel 2002 conseguo la Maturità Classica e nel 2007 mi laureo in Psicologia presso l'Università di Palermo. Lavoro per diverso tempo presso centri per minori a rischio in qualità di componente dell'equipe psicopedagogica e sperimento l'insegnamento presso istituti di formazione per operatori di comunità. Da sempre mi dedico alla scrittura, imprescindibile esigenza di tutta una vita. Nel 2018 pubblico la mia prima raccolta di liriche dal titolo "Aliti inversi" e nel 2019 offro un contributo all'interno del volume "Donna sacra di Sicilia", con una poesia dal titolo "La Baronessa di Carini" e un articolo, scritti interamente in lingua siciliana. Amo anche la recitazione. Mi piace definire la poesia come "summa imprescindibile ed inscindibile di vissuti significativi e di emozioni graffianti, scaturente da un processo di attenta ricerca e di introspezione". Sono Socia di Accademia Edizioni ed Eventi e Blogger di SCREPmagazine.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here