“Presto” di Maria Cristina Adragna

199957

PRESTO…

Dopo essere stata tua,
nuda e tenera,
di fianco,
incantata dalle parole
e avvinghiata
ai tuoi respiri,
do un saluto alle pareti,
al soffitto, ai vetri tersi,
alle luci sempre spente…
perché insieme
brilliamo troppo.

Conquistata profondamente
da ogni sillaba che imprimi,
dai ricami che le tue mani
armonizzano sulla mia schiena,
mi preparo a sorseggiare
la magia di averti accanto,
per le vie di questi luoghi
che son diventati i nostri.

Prendo posto,
tu di fronte,
accarezzi le mie mani
e in silenzio mi domando
se ho vissuto solo un sogno,
ma il mio cuore galoppante
mi sussurra che son sveglia,
sei la sola prospettiva…
sono amata, sono viva!

E ad un tratto ci sorprende
l’allegria di quella donna
che ci offre dei sorrisi
e la bontà del suo lavoro,
lei non vende solo cibo
ma ci sfama di attenzioni…
la felice testimone
della nostra verità.

In quel posto
abbiamo scritto
incantevoli poesie,
che han per versi
i nostri sguardi,
che han per strofe mille baci,
e non so come farei
a rinunciare a tutto questo,
io ti chiedo amore immenso…
e di ritornarci presto.

Maria Cristina Adragna

Leggi il mio articolo precedente cliccando sul link qui di seguito:

Previous article“a tu per tu con…” il Sistema Artistico Naturale di Silvia Cassetta
Next articleTutelare…
Siciliana, nasco a Palermo e risiedo ad Alcamo. Nel 2002 conseguo la Maturità Classica e nel 2007 mi laureo in Psicologia presso l'Università di Palermo. Lavoro per diverso tempo presso centri per minori a rischio in qualità di componente dell'equipe psicopedagogica e sperimento l'insegnamento presso istituti di formazione per operatori di comunità. Da sempre mi dedico alla scrittura, imprescindibile esigenza di tutta una vita. Nel 2018 pubblico la mia prima raccolta di liriche dal titolo "Aliti inversi" e nel 2019 offro un contributo all'interno del volume "Donna sacra di Sicilia", con una poesia dal titolo "La Baronessa di Carini" e un articolo, scritti interamente in lingua siciliana. Amo anche la recitazione. Mi piace definire la poesia come "summa imprescindibile ed inscindibile di vissuti significativi e di emozioni graffianti, scaturente da un processo di attenta ricerca e di introspezione". Sono Socia di Accademia Edizioni ed Eventi e Blogger di SCREPmagazine.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here