Ghiaccio sottile

sotto ai miei piedi

precari sostegni

ad un essere

che ancora

ha voglia di sperare.

Luccicano stelle,

attraverso nubi scure

uno spiraglio mi ricorda

che gli astri sono ancora lì a

danzare.

Scorgo anche la timida luna

che con la sua tenue luce illumina

selve, monti e strade.

Pallido è il mio volto

bagnato da quell’argento

calde le lacrime

che colano sul viso.

E lì mi fermo,

A contemplare il rumore

delle crepe di ghiaccio

sotto al mio piede,

i flutti già rumoreggiano

pronti ad accogliermi.

Il vento soffia più forte,

il freddo indurisce di più il ghiaccio

qualcosa non vuole lasciarmi

andare.

Qualcosa che vuol farmi continuare

a sperare.

La luna si nasconde.

Il buio mi riavvolge.

E in quelle brune lande

ritrovo la pace.

Arsenio Siani

Articolo precedenteLe nove perle di saggezza di Confucio per una vita serena
Articolo successivoIl coraggio di Gaia (Parte 17a)
Arsenio Siani
Mi chiamo Arsenio Siani, sono un counselor, scrittore e docente di corsi di scrittura creativa. La passione per le pratiche di trasformazione ed evoluzione interiore mi ha condotto a frequentare una scuola di counseling. Parallelamente il mio percorso ha visto un’evoluzione e una crescita interiore grazie alla scrittura, dapprima erano pensieri sparpagliati e confusi riversati su fogli di carta, poi la mia mente e la mia anima hanno cominciato a concepire storie, racconti di vita partoriti da sogni, desideri, rimpianti e speranze. Un ascolto dei miei sentimenti e delle mie emozioni che mi ha portato a scrivere cinque romanzi in meno di tre anni e innumerevoli racconti. Nel 2016 ho accettato anche la sfida di diventare docente per corsi di scrittura creativa presso l’Università popolare di Siena, dove vivo da 12 anni. Nel 2017 ho iniziato la mia collaborazione con “Accademia” curando due rubriche per la rivista “Screpmagazine”, una dedicata al benessere psicologico e l’altra alla violenza sulle donne. Proprio da quest’ultima esperienza nasce una mia nuova pubblicazione, “Quello che le donne non dicono”, in cui vengono raccolti gli articoli, rielaborati per l’occasione, comparsi sulla rubrica, per Titani editori, pubblicato nel marzo 2018.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui