“Parlavi con le api” di Maria Cristina Adragna

143742

PARLAVI CON LE API

Orgogliosamente scoprii
che parlavi con le api
e che le pregavi
accoratamente
di fare bene il miele per me.

E così ammantasti
i giorni miei di tenerezza,
cosicché mi ricordassi
di te e di questi
scampoli di infanzia.

Col tempo mi venne detto
che Babbo Natale non esiste
ma in compenso
tu parlavi con le api,
quale miglior consolazione?

Non faccio più colazione,
i tuoi interlocutori
sono gli angeli del Cielo,
ma i cherubini non
hanno mai
tostato il pane raffermo,
non educano alla semplicità,
non conoscono l’inferno…

Maria Cristina Adragna

Clicca il link qui sotto per leggere il mio articolo precedente:

“Io che amo solo te”

Previous article“Il pensiero è uno” di Maurizio Gimigliano
Next article“È Domenica delle Palme!” di Antonietta Siviero
Maria Cristina Adragna
Siciliana, nasco a Palermo e risiedo ad Alcamo. Nel 2002 conseguo la Maturità Classica e nel 2007 mi laureo in Psicologia presso l'Università di Palermo. Lavoro per diverso tempo presso centri per minori a rischio in qualità di componente dell'equipe psicopedagogica e sperimento l'insegnamento presso istituti di formazione per operatori di comunità. Da sempre mi dedico alla scrittura, imprescindibile esigenza di tutta una vita. Nel 2018 pubblico la mia prima raccolta di liriche dal titolo "Aliti inversi" e nel 2019 offro un contributo all'interno del volume "Donna sacra di Sicilia", con una poesia dal titolo "La Baronessa di Carini" e un articolo, scritti interamente in lingua siciliana. Amo anche la recitazione. Mi piace definire la poesia come "summa imprescindibile ed inscindibile di vissuti significativi e di emozioni graffianti, scaturente da un processo di attenta ricerca e di introspezione". Sono Socia di Accademia Edizioni ed Eventi e Blogger di SCREPmagazine.

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here