Adesso dimmi
sono davanti a te
scegli il nome.

Ho in mano un caos di colori
anche l’oro del sole
e l’argenteo latte di luna
ricordi di estati lontane
che tornano in mente

con un fragore caldo.

Guardami
io non posso
mi sono già persa
nei tuoi occhi.

Dimmi quale nome vorresti
darmi che non sia Amore

e se io posso vivere
come in un infinito
di pensiero e di sangue
in questo Amore che
non è solo di pelle,

ma di quel vago muto aleggiare
di emozioni e d’incanti
oltre il reale.

Sandra Mirabella
Opera di V. Paquereau

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui