“Nostalgie”

127757

NOSTALGIE

Si perse l’uso dei pensieri scritti a mano
che avevano un destinatario solo.

L’ inchiostro divenne un tot al chilo,
il tappo della bic da mordicchiare
sostituito da tastiere in serie.

Il sentimento si desertificò,
eterea voce per il ticchettio del mouse
avanti e indietro come chi non sa
scegliere nel divario, e si contenta.

Io, di quel tempo, rammento il bell’odore,
quando la vita s’allenava alla lentezza,
quando l’amore s’incurvava nella busta
e, dopo giorni, te lo ritrovavi intero,
sopra la firma con il ghirigoro.

Carmela Laratta

Previous articleIl fine giustifica i mezzi? Di Francesco Viscelli
Next articleIl mistero di Villa Fortuna (Parte 31)
Carmela Laratta
Sono Carmela Laratta e faccio il medico. Adoro la scrittura e la lettura, in maniera "esagerata" sin da quando ero piccola; vado matta per i vecchi film e telefilm in bianco e nero e per tutto ciò che è arte, inventiva, manualità. Ma più di ogni altra cosa amo la poesia, che è la mia isola segreta, l'angolo remoto dove il pensiero si fa ritmo e melodia, una sorta di ciambella di salvataggio paragonabile alla bombola d'ossigeno per chi soffre d'asma.Scrivo da molti anni. Dopo un lunghissimo intervallo, nel 2016 la poesia è tornata a trovarmi e da allora mi fa piacevolmente compagnia. Dal 2016 ad oggi ho partecipato a vari concorsi nazionali e internazionali, vincendo diversi premi, spesso tra i primi posti. Sono lieta di partecipare a questa bellissima avventura con ScrepMagazine. Credo che condividere una passione sia il modo migliore per farla vivere più a lungo e che l’unione nella cultura faccia davvero bene all’anima e al mondo intero.

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here