Non sono consenziente

215776

Fino a stamattina , in merito ai recenti e sconvolgenti fatti di violenza verificatisi in tutta Italia, non ho saputo dir nulla.

Un male fisico ed interiore mi ha coinvolta e stravolta, al pensiero di tutto il male che è stato perpetrato ai danni di alcune ragazze che, data la giovane età, potrebbero essere figlie mie.

Oggi ho sentito di scrivere questo…

NON SONO CONSENZIENTE

Quando mi incroci
in una sera d’estate,
sui miei tacchi alti,
col trucco sul viso
e senza volerlo
ti regalo un sorriso,
poiché in quell’istante
ho altrove la mente,
ricorda, ragazzo…

Non sono consenziente!

Se per una sera
ti voglio al mio fianco,
perché star da sola
mi lacera il cuore,
insieme beviamo
un bicchiere di troppo
e ti rendi conto
che ho l’anima assente,
riportami a casa…

Non sono consenziente!

Se in un’occasione
ho indossato una gonna
che ti fa vedere
un po’ più del ginocchio,
magari pian piano
ho acquisito autostima,
perché dai complessi
nessuno è mai esente,
ancora una volta…

Non sono consenziente!

Discosta le mani
dal mio corpo sacro,
se voglio far sesso
ti parlo, lo dico,
e non definirmi puttana
o lasciva…
Disprezzi una donna
che non ha alternativa.

Sei figlio di un tempo
che quasi ti impone
di offrire una prova
di virilità,
un uomo che vale
non causa dolore…
Ma è chi t’accompagna
a fare l’amore.

Maria Cristina Adragna

Previous articleIl brigante Musolino
Next articleSemplicemente Giulia (Parte 1a)
Siciliana, nasco a Palermo e risiedo ad Alcamo. Nel 2002 conseguo la Maturità Classica e nel 2007 mi laureo in Psicologia presso l'Università di Palermo. Lavoro per diverso tempo presso centri per minori a rischio in qualità di componente dell'equipe psicopedagogica e sperimento l'insegnamento presso istituti di formazione per operatori di comunità. Da sempre mi dedico alla scrittura, imprescindibile esigenza di tutta una vita. Nel 2018 pubblico la mia prima raccolta di liriche dal titolo "Aliti inversi" e nel 2019 offro un contributo all'interno del volume "Donna sacra di Sicilia", con una poesia dal titolo "La Baronessa di Carini" e un articolo, scritti interamente in lingua siciliana. Amo anche la recitazione. Mi piace definire la poesia come "summa imprescindibile ed inscindibile di vissuti significativi e di emozioni graffianti, scaturente da un processo di attenta ricerca e di introspezione". Sono Socia di Accademia Edizioni ed Eventi e Blogger di SCREPmagazine.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here