“Madri” di Maria Cristina Adragna

0
147128
Maggio è, per definizione, il mese dedicato alle madri.
È il preludio ad un’estate imminente, alle lunghe giornate stroncate da tramonti mozzafiato, alla rigenerazione dello spirito assopito, temprato negativamente dagli eventi nefasti.
All’inesauribile beltà detenuta da tutte le madri, ad ogni donna che vorrebbe esser tale, a chi crede di poter fare a meno della presenza di un figlio, a chi non sarà mai una genitrice e a chi, presto o tardi, lo diventerà…
Poiché le madri sono Donne perennemente ubriache di generosità.
Sono quelle che impugnano con forza uno stelo pungente, pur di celarne le spine insidiose.
Poi, elargendo al figlio il più dolce dei sorrisi, gli mostrano la rosa in tutta la sua innocua bellezza.

MADRI

Figlie di ieri cresciute a piè scalzi,
quando nei campi danzavan le spighe,
esili come gli steli tremanti
che hanno dimora vicino ai canneti.

Povere e ricche, cosparse di miele,
sole e sommerse dall’oro del grano,
han seminato, per solchi di vita,
soffi discreti dai fitti germogli.

Le umane imperfezioni
le inseguono impietose
ma forte è la tensione
ad impeccabili equilibri,
se mai l’ultima fonte
distasse miglia oscure,
vorrebbero donare
a molti figli il gran sollievo.

Riportami ad agosto,
indietro di vent’anni,
richiamami al tramonto
quando il mare mi trattiene,
ho così tanta voglia
di raggiungere la riva
che prego di trovarti
ad aspettarmi gaia e inquieta.

Se fossi nata madre,
ancor prima che figlia,
avrei avuto cura di recintarti il cuore.

Maria Cristina Adragna 

Clicca il link qui sotto per leggere il mio articolo precedente:

Previous article“Senza paura” di Maurizio Gimigliano
Next articleIl 2 Maggio è la Pasqua Ortodossa (2 Mai Paştele Ortodox)
Siciliana, nasco a Palermo e risiedo ad Alcamo. Nel 2002 conseguo la Maturità Classica e nel 2007 mi laureo in Psicologia presso l'Università di Palermo. Lavoro per diverso tempo presso centri per minori a rischio in qualità di componente dell'equipe psicopedagogica e sperimento l'insegnamento presso istituti di formazione per operatori di comunità. Da sempre mi dedico alla scrittura, imprescindibile esigenza di tutta una vita. Nel 2018 pubblico la mia prima raccolta di liriche dal titolo "Aliti inversi" e nel 2019 offro un contributo all'interno del volume "Donna sacra di Sicilia", con una poesia dal titolo "La Baronessa di Carini" e un articolo, scritti interamente in lingua siciliana. Amo anche la recitazione. Mi piace definire la poesia come "summa imprescindibile ed inscindibile di vissuti significativi e di emozioni graffianti, scaturente da un processo di attenta ricerca e di introspezione". Sono Socia di Accademia Edizioni ed Eventi e Blogger di SCREPmagazine.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here