“Lu picciriddu e lu mari” di Maria Cristina Adragna

162622

LU PICCIRIDDU E LU MARI

Quannu un picciriddu
avi ì peri na u mari,
vinnissi li purmuna
pi natari comu un pisci.

Timùri ‘u ni canusci,
‘un navi nuddu scantu
chi pittàntu, si un trasi ni st’abissu,
annea senz’acqua ù stissu
pi la còrrula tagghienti.

E na matri strinci i renti,
lu tàlia chi s’alluntana
e lu tempu passa araciu
invocannu ‘la tramuntana,
lu sciroccu tira a dintra:
“Figghiu miu, sta sempri attentu,
chi stu ventu è trarituri
e lu mari ci va appressu.”

Quannu nesci assai dimessu
e siddiatu cu lu munnu,
addisìa d’essiri petra
p’arristàri sempri a funnu,
nun c’è mai consolazioni
p’allintàri sta gran siti
e si senti un pisciteddu
chi ‘ncagghià na la so riti.

Maria Cristina Adragna

IL BAMBINO E IL MARE

Quando un bambino ha i piedi in mare, venderebbe i polmoni per nuotare come un pesce, non conosce timore, non ha nessuna paura, perchè tanto, se non entra in quest’abisso annega lo stesso senza acqua per il dispiacere tagliente.
E una madre stringe i denti, lo guarda che s’allontana ed il tempo trascorre lentamente invocando la tramontana:
Figlio mio, stai sempre attento che questo vento è traditore ed anche il mare lo è“.
Quando esce dimesso e arrabbiato con il mondo, desidererebbe essere una pietra per rimanere sempre sul fondo, non c’è mai consolazione per placare questa sete e si sente come un pesciolino impigliato nella sua rete…

Clicca sul link qui sotto per leggere il mio articolo precedente:

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here