“Lu Bamminu” di Maria Cristina Adragna

170250

LU BAMMINU

Lu munnu firria e ‘un navi risettu,
certuni pigghiamu la vita ri pettu,
macari c’è chiddu chi biri la strata
e puru s’è chiana ci pari muntata.

Li cosi ra vita ali voti su’ torti,
e compitu nostru è mantenini forti,
in certi minuti accarunu s’arrenni
picchì è sulu e stancu, rì chissu dipènni!

E comu na fiamma
a spiranza si smòrza,
ma c’è cacchi cosa
chi duna la forza,
trasennu Dicembri
ogni cosa si vesti
di milli culùra…
è tempu di festi!

Si chiddu ch’è misu allatu a u caiùni
pinsassi chi granni su li so furtuni,
picchì n’ta na notti,
c’ùn lintava rì nivicari,
nascì un piccirìddu
ca ni vinni a sarvari.

Si sulu,ripetu, pinsassi a sta cosa,
virissi la vita tinciuta di rosa,
sintissi ca u cori si voli alligrari
e chinu di gioia un si voli chiù ittàri.

Trasennu n’ta à stanza rì lettu di me matri,
mi vinni ravanti na fìla di quatri,
e tra tutti chissi spiccà na fiura
chi sappi allintari angosci e dulura.

Mi misi a taliari chiossà ri vicinu
e subitu vitti ca era u Bammìnu,
li beddi manuzzi riggìanu na Cruci
e tuttu sapia di aghiru e duci.

N’ta la fantasia di tanti pitturi,
l’ucchiùzzi su chiari di Nostru Signùri
e avi la peddi chi pari di latti
ma nuddu sapemu com’era n’ta i fatti.

Ma tu,Signirùzzu,
un putii essiri biunnu,
un c’è genti chiara
n’ta du pezzu ri munnu,
macàri avii l’occhi
chi eranu scuri
e li capidduzzi di natru culùri.

Si sulu , Signuri, mi firassi a pittari
facissi na tila chi po’ immaginari,
tincissi u Bamminu
pi comu lu pensu
e nuddu culuri avissi chiù sensu.

Lassassi fogghiu biancu
picchì tu sì lùci,
in tutti li cosi ci sentu à tò vùci,
si arma,respiru e spiritu puru,
cu tia a u me ciancu
mi sentu a ‘u sicuru.

Natali s’affàccia ali porti du cori,
di fedi si campa, di gioia un si mori,
grapìti li porti, u Bammìnu tuppulìa,
pì tutti nascìu…
macàri pì tia!!!

Maria Cristina Adragna

IL BAMBINO

Il mondo gira e non ha tregua, alcuni prendono la vita di petto, magari c’è quello che vede la strada e sebbene sia pianeggiante gli appare come una salita. Le cose della vita a volte sono difficili, compito nostro é mantenerci forti, in certi momenti qualcuno si arrende perché è solo e stanco, dipende da questo. E come una fiamma la speranza si smorza, ma c’è qualche cosa che ci dà la forza, arrivando dicembre ogni cosa si veste di mille colori, è tempo di feste. Se chi sta sull’orlo del baratro pensasse a quanto grandi siano le sue fortune, perché in una notte in cui non smetteva di nevicare è nato un bambino che c’è venuto a salvare. Se solo, ripeto, pensasse a questa cosa, vedrebbe il mondo dipinto di rosa, sentirebbe che il cuore si vuol rallegrare e pieno di gioia non si vorrebbe più buttare di sotto. Entrando nella camera da letto di mia madre, ho notato una fila di quadri, e tra tutti questi spiccó una figura che seppe smorzare angoscia e dolori. Mi sono messa a guardare più da vicino e subito ho visto che si trattava del Bambino, le belle manine reggevano una croce e tutto sapeva di amaro e dolce. Nella fantasia di tanti pittori gli occhi di nostro Signore sono chiari, e ha la pelle che sembra di latte ma nessuno sa come era realmente. Ma tu, Signore, non potevi essere biondo, non c’è gente chiara in quel pezzo di mondo, magari avevi gli occhi scuri e i capelli di un altro colore. Se solo, Signore, sapessi dipingere, realizzerei una tela che puoi già immaginare, dipingerei il Bambino così come lo penso e nessun colore avrebbe più senso. Lascerei foglio bianco perché tu sei luce, in tutte le cose sento la tua voce, sei anima, respiro e spirito puro, con te al mio fianco mi sento al sicuro. Natale si affaccia alle porte del cuore, di fede si vive, di gioia non si muore, aprite le porte, il Bambino sta bussando, è nato per tutti, anche per te!!!

Clicca sul link qui sotto per leggere il mio articolo precedente:

Previous article“Tridici cosi”. Le portate della cena di Natale in Calabria…di Francesca Rita Bartoletta
Next articleBuon Natale
Siciliana, nasco a Palermo e risiedo ad Alcamo. Nel 2002 conseguo la Maturità Classica e nel 2007 mi laureo in Psicologia presso l'Università di Palermo. Lavoro per diverso tempo presso centri per minori a rischio in qualità di componente dell'equipe psicopedagogica e sperimento l'insegnamento presso istituti di formazione per operatori di comunità. Da sempre mi dedico alla scrittura, imprescindibile esigenza di tutta una vita. Nel 2018 pubblico la mia prima raccolta di liriche dal titolo "Aliti inversi" e nel 2019 offro un contributo all'interno del volume "Donna sacra di Sicilia", con una poesia dal titolo "La Baronessa di Carini" e un articolo, scritti interamente in lingua siciliana. Amo anche la recitazione. Mi piace definire la poesia come "summa imprescindibile ed inscindibile di vissuti significativi e di emozioni graffianti, scaturente da un processo di attenta ricerca e di introspezione". Sono Socia di Accademia Edizioni ed Eventi e Blogger di SCREPmagazine.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here