Lady Marguerite

250858

Le storie sulle ville infestate da fantasmi hanno affascinato l’immaginario popolare per secoli, alimentando la curiosità e la paura nella stessa misura. Queste storie spesso rappresentano un’interessante combinazione di mito e mistero, e ci invitano a riflettere sul significato delle leggende e sulle paure umane più profonde.

Storie che incutono timore, ma allo stesso tempo ci attraggono, e ci spingono a confrontarci con l’ignoto, con le nostre ansie sull’aldilà e l’idea della vita dopo la morte.
Spesso, le storie sono intrecciate con eventi storici, leggende locali, trasmettendo le ricchezze della tradizione locale.

La casa dei misteri

Nel cuore di una piccola città inglese, in una via molto centrale ,c’era una splendida casa. Era conosciuta come la “Casa dei misteri”, poiché si diceva che fosse infestata dai fantasmi. Gli abitanti del luogo evitavano di avvicinarsi ad essa durante la notte, e anche di giorno si era sempre diffuso un senso di inquietudine attorno a quella antica dimora.

Tutto questo fino a quando, una giovane coppia, Arthur e Annie, decisero di acquistare la casa nonostante le storie su di essa. Erano affascinati dalla sua architettura e dal potenziale che vi vedevano. Tuttavia, non appena entrarono nella casa, iniziarono a percepire strani rumori provenire da ogni angolo, come spifferi freddi lungo i corridoi e ombre che si muovevano nei corridoi.

Mentre cercavano di sistemare la casa e renderla il loro nuovo nido d’amore, dove mettere su famiglia, iniziarono ad assistere a fenomeni sempre più inquietanti: oggetti che si spostavano da soli, voci che sussurravano nell’aria e porte che si aprivano e si chiudevano misteriosamente. La tensione tra Annie e Arthur crebbe, con entrambi che iniziarono a sentirsi sempre più stressati e angosciati.

Decisero di affrontare la situazione e assunsero un medium per scoprire la verità dietro questi eventi. Il medium rivelò loro che la casa era infestata da spiriti inquieti, da persone che avevano vissuto nella casa in passato e che non erano riuscite a trovare la pace. Si scoprì così che la casa aveva davvero un passato oscuro e che le anime tormentate continuavano a rimanere intrappolate al suo interno.

Si raccontava che fosse stata costruita alla fine del 1700, da un ricco mercante, Sir Reginald, e la sua bellissima moglie, Lady Marguerite. La coppia visse in quella dimora con i loro due figli, Robert e Amelia. La famiglia sembrava vivere serena, ma dietro le mura della villa, si celava un oscuro segreto.

Una notte, una tragedia sconvolse la villa. Lady Marguerite morì tragicamente e la famiglia rimase devastata dalla perdita. Si raccontava che il suo fantasma continuasse a vagare per le stanze in cerca di pace.

Passarono diversi mesi in cui la giovane coppia non aveva lasciato la villa e organizzava feste per non restare completamente da soli in casa. Una sera in cui si teneva un ricevimento la figlia più giovane dei Kenneth amici di Arthur e di Annie, la giovane Emily, rimasta affascinata dall’idea che in quella casa potessero esserci dei fantasmi e decise di indagare fermandosi lì qualche giorno.

Un pomeriggio, mentre esplorava le cantine della villa, Emily scoprì un vecchio diario appartenuto a lady Marguerite in cui la donna svelava diversi episodi in cui si capiva che la sua morte non era stata accidentale, ma causata dalla gelosia di Sir Reginald.
Emily decise di condividere la storia con la famiglia che le dava ospitalità, per cercare di porre fine all’infestazione.

Dopo aver seppellito il diario nei giardini della villa, i rumori misteriosi si placarono e il fantasma di lady Marguerite finalmente trovò pace.

Da quel momento in poi, la villa non fu più infestata e la famiglia poté godere della loro dimora senza essere disturbati da presenze paranormali. Tuttavia, la storia del fantasma continuò a circolare nella cittadina inglese, rendendo la villa vittoriana ancora più misteriosa e affascinante.

E la “Casa dei misteri” divenne finalmente la loro casa, al sicuro dall’infestazione dei fantasmi.

Angela Amendola 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here