I tuoi respiri,

sgranano spicchi di sole dentro un dolce mattino,

ovattati dalle mie carezze luccicano i tuoi occhi…

Il sapore del primo bacio dà vita alla luce,

io e te disegniamo l’aurora con gocce di sogni.

L’azzurro assale il rossore,

l’orizzonte riflette il tuo corpo…

Come un boccolo di rosa che si arriccia nei suoi petali

tu mi piaci spettinata.

Ormai la tua dimora è il mio cuore.

Un pretesto per rubarci l’anima è l’abbraccio,

dono spesso dimenticato in un mondo disincantato…

Bracconieri che cacciano l’amore,

senza uccidere il sentimento,

diamo premura a ogni nostro momento.

Ogni giorno è un vortice che mette a soqquadro la nostra mente.

Articolo precedenteLa memoria del nostro tempo
Articolo successivoMary Cassatt (parte quinta)
Pino Gaudino
Sono Giuseppe Gaudino, lavoro come operatore socio- sanitario presso un centro per diversamente abili. Il mio percorso letterario prende ispirazione dalla malinconia che circonda qualsiasi forma d’amore, quando l’energia vitale che il dolore infonde nell’anima diventa la strada per rinascere e giungere alla propria serenità interiore. Amo scrivere. Ho pubblicato un libro di poesie dal titolo “Se perdi il filo segui il cuore “, arrivato al secondo posto della IXa edizione 2020 del Premio Letterario Nazionale "Un libro amico per l’inverno". Con grande soddisfazione una mia poesia - "Destino senza meta" - è risultata vincitrice del Premio di Poesia e Narrativa “Città di Arcore 2019”.

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui