“La vela” di Maria Cristina Adragna

124591

Se l’essere umano detenesse uno spiccato sentimento di gratitudine nei confronti della natura e di tutto il creato, allora sì che assaporerebbe pienamente il valore incommensurabile della bellezza.

LA VELA

Al di là della persiana
uno scorcio d’orizzonte,
pochi accenni di bellezza
siciliana fatta ad arte,
sempre certa di lasciare
le indelebili sue impronte
lievemente ricamate
sopra gli occhi di chi parte.

Tu che come me nascesti
a ridosso delle acque
riconosceresti ovunque
gli echi cupi delle onde,
mentre l’uomo respirò un po’ di quel vento, quando nacque,
già cercava refrigerio
sotto larghe ed ampie fronde.

Terra mia, le tue fragranze,
questa Africa mancata,
questi sprazzi di deserto
dentro il cuore di chi resta,
mia sventura, mio prodigio,
meraviglia mia agognata,
la dimora sempre eterna
di gran sole e di tempesta.

Due terrazze sulla spiaggia
che sovrastano l’immenso
allontanano un dolore e ne limano la chela, 
e chissà quali pensieri dallo sconosciuto senso
attraversano un bambino
al passaggio di una vela…

Lirica tratta dalla raccolta “Aliti inversi” di Maria Cristina Adragna

Previous articleL’ultima Regina di Francia
Next articleTorna lo spettro del lockdown
Maria Cristina Adragna
Siciliana, nasco a Palermo e risiedo ad Alcamo. Nel 2002 conseguo la Maturità Classica e nel 2007 mi laureo in Psicologia presso l'Università di Palermo. Lavoro per diverso tempo presso centri per minori a rischio in qualità di componente dell'equipe psicopedagogica e sperimento l'insegnamento presso istituti di formazione per operatori di comunità. Da sempre mi dedico alla scrittura, imprescindibile esigenza di tutta una vita. Nel 2018 pubblico la mia prima raccolta di liriche dal titolo "Aliti inversi" e nel 2019 offro un contributo all'interno del volume "Donna sacra di Sicilia", con una poesia dal titolo "La Baronessa di Carini" e un articolo, scritti interamente in lingua siciliana. Amo anche la recitazione. Mi piace definire la poesia come "summa imprescindibile ed inscindibile di vissuti significativi e di emozioni graffianti, scaturente da un processo di attenta ricerca e di introspezione". Sono Socia di Accademia Edizioni ed Eventi e Blogger di SCREPmagazine.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here