«Fu la mia porzione quella donna venuta fino a me. Edificammo contentezze, lenticchie di una festa minore ma continua. Fu la mia porzione e non l’ho custodita. E’ stata poco con me, una breve durata nel corso della vita, però è venuta. […] Essere al mondo, per quello che ho potuto capire, è quando ti è affidata una persona e tu ne sei responsabile e allo stesso tempo tu sei affidato a quella persona ed essa è responsabile per te. Sette anni non furono pochi. Anche se fossero stati la metà o la metà ancora, non sarebbe stato poco. Non ci può lamentare della brevità, non è giusto, ma della lunghezza sì. Ho avuto imbarazzo a vivere ancora».

Erri De Luca, “Non ora non qui”.

Può verificarsi che le vicende della nostra vita ci carichino di responsabilità che sentiamo di non poter sostenere.

Come se fossero troppo pesanti, come se avessimo consapevolezza piena di non essere all’altezza del carico morale, come se ogni cosa ci sembrasse pregna di difficoltà insormontabili.

Ma quando ci si trova nel bel mezzo di una relazione amorosa, subentrano diverse sfumature del senso di responsabilità che non risponde primariamente a codici morali perché segue le indicazioni dettate dal cuore.

Non ci si fa tante domande, perchè ci si arrende all’amore.

Tutto diviene scontato, la naturalezza, la spontaneità superano ogni barriera.

Amare è una responsabilità che non può prescindere dal bisogno di mantenere una sorta di custodia dell’altro e di seguirla nel tempo, dedicando cure e attenzioni continue.

È una responsabilità che non è mai fine a se stessa.

È un investimento, è un impegno grazie a cui il custode diviene esso stesso custodito.

Si innesca un gioco di reciprocità sentimentale nell’affidarsi l’uno alle ragioni dell’altro, una responsabilità che trova la sua più alta realizzazione nella partecipazione ad un comune destino.

Piera Messinese

Articolo precedentePrimissimi approcci allo studio dello sviluppo
Articolo successivoStorie di quotidiana miseria : Lello e Angela
Piera Messinese
Sono nata il 13 Novembre del 1966 a Lamezia Terme, in Calabria, ove risiedo. Sono sposata ed ho una figlia. Se dovessi scegliere un attributo che possa caratterizzarmi, questo sarebbe “eclettica”. Sono “governata da uno spirito fortemente versatile” che mi dà energia, per cui mi sento letteralmente assetata di nuovi stimoli. Sono innamorata della scrittura da sempre e la mia formazione classica ha contribuito a mantenere vivo in me tale sentimento. Grazie alla passione per i classici latini e greci in primis ed in seguito agli studi universitari in Medicina e Chirurgia, ho potuto rendere creativa la mia elasticità mentale. Ma “illo tempore fu il Sommo” a rubarmi il cuore e così “Galeotta fu la Divina". Amo, quindi, leggere e scrivere e ritengo che ciò sia fondamentale per la crescita di ogni individuo. Flaubert diceva: _”Non leggete, come fanno i bambini, per divertirvi o, come fanno gli ambiziosi, per istruirvi. No, leggete per vivere.”… Sono Socia Fondatrice di “Accademia Edizioni ed Eventi”, Associazione culturale con sede a Roma che si occupa di cultura e di promuovere il talento. Scrivo su SCREPmagazine, rivista dell'Associazione, su cui curo varie rubriche.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui