I Negramaro sono un gruppo musicale pop rock italiano formatosi nel 2000.

Il gruppo trae il nome dal Negroamaro, un vitigno della terra d’origine della band, il Salento, in Puglia.

La band è formata da sei componenti: Giuliano Sangiorgi (voce, chitarra, pianoforte), Emanuele Spedicato (chitarra), Ermanno Carlà (basso), Danilo Tasco (batteria), Andrea Mariano (pianoforte, tastiera, sintetizzatore) e Andrea De Rocco (campionatore).

Nel febbraio 2011 il gruppo è costretto ad annullare i propri impegni, compresa la partenza del “Casa 69 Tour”, prevista per il mese successivo, a causa di un delicato intervento alle corde vocali al quale ha dovuto sottoporsi il cantante Giuliano Sangiorgi, che ha reso necessario un lungo periodo di riabilitazione. Per questo motivo, la partenza del tour è stata rimandata all’autunno successivo.

 Il 1º marzo 2011 esce “Aspetto lei” il brano inedito che la band ha deciso di regalare ai fan per ringraziarli dell’affetto e della vicinanza dimostrata in seguito all’annuncio dell’intervento al quale ha dovuto sottoporsi Giuliano, seguito da una lettera dello stesso Sangiorgi sul sito ufficiale dei Negramaro.

Dopo alcune incomprensioni e aspri confronti avuti in studio, il gruppo decide di sciogliersi e Sangiorgi si trasferisce momentaneamente a New York. Una volta tornato in Italia, ricontatta Andrea Mariano e gli presenta una demo, mentre il tastierista gli rivela che presto diventerà padre di una bambina di nome Bianca. I due si riuniscono con gli altri quattro componenti diverse volte, e ritrovata la volontà di lavorare nuovamente insieme i Negramaro si accordano con la Sugar Music per un rinnovo di contratto e per la produzione di un nuovo album.

Il gruppo in questo periodo non comunica alcuno di detti avvenimenti, se non nel novembre 2017.

Il 14 settembre 2017 viene annunciato il settimo album “Amore che torni”, pubblicato il 17 novembre dalla Sugar Music. Il primo singolo estratto è stato “Fino all’imbrunire”, pubblicato il 6 ottobre 2017, mentre il secondo singolo è stato “La prima volta”, pubblicato il 19 gennaio 2018…

Il 19 ottobre 2018 Emanuele Spedicato viene dimesso dall’ospedale dopo un lungo ricovero per ictus, il 3 novembre Giuliano Sangiorgi diventa padre della piccola Stella e il 15 novembre nasce Ianko, il bimbo di Lele Spedicato  …

LA PRIMA VOLTA

Parlami di quando

Mi hai visto per la prima volta

Ti ricordi a stento

O rivivi tutto come

Come fosse allora?

Avevo l’aria stanca

Appeso ad una luna storta

O forse ero attento

A non perdermi negli occhi

Nei tuoi occhi ancora

E ti ricordi il mondo

Quanti giri su sé stesso

Era lento il tempo

O correva come un matto?

E adesso non c’è niente al mondo

Che possa somigliare in fondo

A quello che eravamo

A quello che ora siamo

A come noi saremo un giorno

Ti ricordo quando

Mi hai ucciso per la prima volta

Hai mirato al centro

E hai colpito un po’ per sbaglio

E per sbaglio hai vinto

E tremava il mondo

Quanti giri su sé stesso

Sta scadendo il tempo

O mi rimani ancora accanto?

E adesso non c’è niente al mondo

Che possa somigliare in fondo

A quello che eravamo

A quello che ora siamo

A come noi saremo un giorno

Non ricordo quella volta

In cui ti ho visto ed eri un’altra

Non ricordi quella volta

In cui mi hai totto pure l’aria

Non ricordo la tua faccia

Quando hai fatto la mia smorfia

Non ricordo la mia casa

E adesso non c’è niente al mondo

Che possa somigliarci in fondo

E quello che eravamo

Adesso non lo siamo

E forse lo saremo un giorno

Sì, ma adesso non ha senso il mondo

Se con un gesto hai cancellato tutto

La storia che eravamo

I giorni che ora siamo

E l’assenza che saremo un giorno

Parlami di quando

Mi hai amato per la prima volta

https://www.youtube.com/watch?v=-jvLm8kZBTM

Articolo precedenteL’estetica
Articolo successivoEcco il mio Natale
Rocco De Nicola
Sono avvocato, ho ventisettenne anni e vivo a Milano dove mi occupo quotidianamente di banche e finanza. Appena posso cerco di “evadere dalla metropoli” per dedicarmi alle mie passioni: la storia, l’arte e le tradizioni locali incluse, ovviamente, quelle enogastronomiche. Amo viaggiare, cucinare e la musica. Mi definisco, in due parole, una persona curiosa e sperimentatrice. Su SCREPmagazine cercherò di condividere “le mie avventure in giro per l’Italia e non solo”, alla ricerca di nuovi scenari, suoni, colori e sapori.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui