Un’antica leggenda narra che in un giorno del mese di giugno, mentre Proserpina, la bellissima figlia di Giove e della Terra,  stava raccogliendo dei fiori, in un prato della Sicilia, fu rapita da Plutone, dio degli inferi, che se ne era innamorato perdutamente e voleva sposarla.

Quando Demetra, madre di Proserpina, venne a conoscenza del rapimento della figlia, che sarebbe rimasta per sempre negli inferi, si disperò e chiese al dio Giove, suo marito, di intervenire.

Giove però non fece nulla, anzi cercò di convincere la moglie che la loro figlia era stata fortunata e che sarebbe diventata una regina.

Demetra avvilita e addolorata, non si preoccupò più della Terra, e in breve tutto si avvizzì.
Giove, resosi conto che la vita della Terra era in pericolo, chiese a  Demetra di tornare ad occuparsene, in cambio avrebbe convinto Plutone a fare tornare Proserpina, sulla Terra, almeno sei mesi, ogni anno.

Plutone accettò e così quando fu Primavera fece tornare la sua sposa sulla terra e i prati furono colmi di erba verde e di fiori e tra le spighe gialle del grano, sbocciarono dei papaveri rossi, per ricordare a Proserpina il caldo colore della passione del suo sposo che aspettava il suo ritorno.

Da allora, ogni anno a giugno, i papaveri accendono di rosso il maturo grano giallo.

PAPAVERI (petit once)

Papaveri
rosso intenso
tra le spighe
del biondo grano maturo
Passione.

Antonella Ariosto

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui