La Dama con l’ermellino e Loredana Bertè

187646

Sono tanti i dipinti di Leonardo da Vinci con soggetti femminili, come  la misteriosa Monna Lisa, ma anche dipinti di donne, come
“Leda con il cigno”, che è stato definito uno dei nudi più provocanti di quel periodo.
Il quadro che io preferisco è la Dama con l’ermellino.

La “Dama con l’ermellino” è un dipinto realizzato durante il periodo di permanenza di Leonardo da Vinci a Milano, quando era al servizio di Ludovico Sforza “il Moro” e l’opera risale al 1488-1490.

Ma chi è la giovane donna misteriosa? La “Dama con l’ermellino” è l’amante di Ludovico il Moro.

Il nome è Cecilia Gallerani, una nobildonna di Milano, che era realmente l’amante di Ludovico il Moro. Numerosi storici la descrivono come molto bella e colta, era una donna innamorata a cui non importava che, Ludovico il Moro, fosse promesso sposo a Beatrice d’Este.

E sembra che i due amanti ebbero anche un figlio, che Ludovico amò tantissimo anche se nel frattempo si era sposato con Beatrice d’Este.

Per dimostrarle l’amore che provava per lei, Ludovico voleva sempre Cecilia attorno a sé.

Le regalò Palazzo Carmagnola, dove Cecilia creò uno dei primissimi circoli letterari.

E Ludovico si occupò anche di trovare un marito degno di Cecilia, ovvero la fece sposare con Ludovico Carminati Brambilla.

Nel quadro, la donna guarda di lato, come se stesse aspettando qualcuno. E la bocca è atteggiata come se stesse per accennare un sorriso, vedendo l’amante arrivare. La donna non ha orpelli, indossa solo una catena di granati, simbolo di fedeltà.

Cecilia che al momento del dipinto aveva quindici anni, ha una pettinatura in voga in quel periodo . Indossa un solo gioiello che mostra sobrietà e raffinatezza. L’abito è curato nei minimi dettagli, ma non è troppo sontuoso, il che rispecchia l’umiltà della dama. L’unico gioiello è la collana di Granato, un regalo del suo amante Ludovico che simboleggia l’amore fedele. I colori scuri della collana creano un meraviglioso contrasto con l’incarnato chiaro.
La collana di cosa era fatta? Non si sa di ambra o altro materiale prezioso.

Alcune fonti affermano che si trattasse di pasta profumata, per i quali scoppiò, in pieno Rinascimento, una vera e propria mania da parte di uomini e donne.

Cecilia Gallerani era molto bella, chissà quante volte Ludovico il Moro si sarà complimentato con lei per questo motivo.

Sono tante le canzoni dedicate ad una donna, quella che io preferisco è Sei bellissima di Loredana Bertè.

È stata ed è una cantante principalmente da cronache rosa, perché i gossip su di lei, hanno offuscato tante volte il suo spessore artistico. Loredana è uno dei personaggi più controversi del mondo musicale italiano.

Le cronache sui giornali in quegli anni, hanno riempito le pagine di notizie legate al suo genio musicale ed alla sregolatezza di questa donna. Ma Loredana ha sempre perseguito le sue idee fregandosene altamente di tutto.

Loredana è tra i personaggi musicali che hanno avuto un successo pazzesco.
I suoi brani: Non sono una signora, Il mare d’inverno, Per i tuoi occhi, Sei bellissima… e via dicendo, tutte le canticchiano e tutti le conoscono.

La sua carriera artistica affonda le radici nei lontani anni ’60, un passato da ballerina e da vocalist.

Ma il primo disco, datato 1973, faceva già intuire la sua natura esplosiva, fuori dai canoni che l’avrebbe caratterizzata sino ai giorni nostri. Ora é uno dei giudici di The Voice senior, su Rai uno.

Nel primo disco apparve nuda, e questo fece scatenare le ire dei benpensanti e della censura che costrinse la produzione a ritirare il disco, per ripubblicarlo con immagini diverse.

E quello, era solo l’inizio perché, negli anni che seguirono, la cantante di origine calabrese continuò a far parlare di sé e delle sue scelte.

Sei bellissima è il disco che le diede la popolarità, dedicato al suo compagno di allora il tennista Adriano Panatta con cui ha avuto lunga relazione.

“Che strano uomo avevo io
Con gli occhi dolci quanto basta
Per farmi dire sempre
Sono ancora tua
E mi mancava il terreno
Quando si addormentava sul mio seno
E lo scaldavo al fuoco umano
Della gelosia”

Fu la gelosia di Panatta a far finire il loro amore. Loredana nonostante sia stata fortunata in campo musicale, in amore non si può dire sia successa la stessa cosa.

Con un altro tennista Loredana negli anni ’90 convola a nozze, ma anche questo rapporto naufraga tra liti e incomprensioni.

Un amore controverso fin da subito, tra l’ex campione di tennis Borg e la regina del rock italiano che hanno infiammato per anni le pagine dei settimanali di gossip con le loro litigate.

Un’unione che ha spinto la coppia anche al matrimonio, poi naufragato dopo poco tempo per incomprensioni e differenti visioni della vita. Proprio la cantante italiana in diversi occasioni parlando del matrimonio con Borg l’ha definito la fesseria più grande della sua vita.

Durante gli anni di matrimonio con l’ex numero uno del tennis, infatti, la Bertè decise perfino di mettere in stand-bye la sua carriera artistica. Una scelta che oggi non rifarebbe assolutamente.

La Bellezza è una forma del Genio, anzi, è più alta del Genio perché non necessita di spiegazioni. Essa è uno dei grandi fatti del mondo, come la luce solare, la primavera, il riflesso nell’acqua scura di quella conchiglia d’argento che chiamiamo luna.
(Oscar Wilde)

Angela Amendola

Clicca sul link qui sotto per leggere il mio articolo precedente:

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here