Ho intenzione di incontrarti
sull’uscio di casa tua,
di affiancarti alla fiera del sabato,
di accompagnarti lungo i corridoi
d’accesso alle tue stanze,
di farti vedere la tua camera da letto,
la sala dove pranzi,
la finestra dalla quale ti sporgi,
i quadri variopinti.

Ho intenzione di mostrarti i tuoi cani,
di tenerti per mano mentre scegli
i garofani in centro,
di condurti sul punto più alto della tua città, 
 di farti ammirare il mare.

Ho intenzione di restare con te
in un angolo della piazza,
di spingerci all’interno di un piccolo bar antico,
di entrare insieme in una Chiesa,
di intrattenerci per qualche istante
con una tua amica per un breve saluto.

Ho intenzione di farti conoscere la luna
quando viene sera,
il sole all’alba,
un tramonto all’imbrunire,
la casa dei tuoi Nonni,
i fiori sull’ampio davanzale,
il pettirosso in gabbia.

Mi dirai certamente:
“ho vissuto tutto ciò
almeno un milione di volte”.
È vero, mia cara.
Ma ho intenzione di scoprire
quale effetto sortirà
un’ennesima osservazione quando,
grazie a questa occasione unica,
rivedrai tutte quelle cose in mia presenza.

Tratta dalla raccolta di poesie “Aliti inversi” di Maria Cristina Adragna 

Articolo precedenteIl vero senso dell’amicizia riscoperto con il libro “Amiciziare” di Orlando Limone
Articolo successivo“Io sono stanca” di T. Nechita
Maria Cristina Adragna
Siciliana, nasco a Palermo e risiedo ad Alcamo. Nel 2002 conseguo la Maturità Classica e nel 2007 mi laureo in Psicologia presso l'Università di Palermo. Lavoro per diverso tempo presso centri per minori a rischio in qualità di componente dell'equipe psicopedagogica e sperimento l'insegnamento presso istituti di formazione per operatori di comunità. Da sempre mi dedico alla scrittura, imprescindibile esigenza di tutta una vita. Nel 2018 pubblico la mia prima raccolta di liriche dal titolo "Aliti inversi" e nel 2019 offro un contributo all'interno del volume "Donna sacra di Sicilia", con una poesia dal titolo "La Baronessa di Carini" e un articolo, scritti interamente in lingua siciliana. Amo anche la recitazione. Mi piace definire la poesia come "summa imprescindibile ed inscindibile di vissuti significativi e di emozioni graffianti, scaturente da un processo di attenta ricerca e di introspezione". Sono Socia di Accademia Edizioni ed Eventi e Blogger di SCREPmagazine.

3 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui