“Kléo” l’entusiasmante serie TV sulla Berlino anni ’80

206376

In streaming su Netflix, Kléo è la Serie in 8 episodi che ti riporta nella Germania anni ’80 dopo la Caduta del Muro di Berlino.

La storia

È il 1987. Dopo essersi sbarazzata di un imprenditore di Berlino Ovest per conto di un agente segreto della Stasi, la super spia della Germania Est Kleo è arrestata, denunciata dalla Stasi e persino tradita dal nonno. Rilasciata dopo due anni di prigione e la caduta del muro di Berlino, capisce presto che il complotto contro di lei è più intricato di quanto pensasse e che un’inquietante valigia rossa è al centro di tutto.

Così Kleo parte per un viaggio alla ricerca di vendetta che la porta tra la Berlino anarchica e i club improvvisati di musica elettronica, fino alle “fincas maiorchine” e al deserto cileno di Atacama.

Nel frattempo il poliziotto berlinese Sven le sta alle calcagna, deciso a risolvere il caso del secolo.

Il Cast

Jella Haase
Kleo
Dimitrij Schaad
Sven
Vladimir Burlakov
Andi

Uno straordinario successo quello della serie tedesca Klèo che si è subito imposta nelle prime posizioni della classifica . Tante le motivazioni tra cui non si può non menzionare il carisma della protagonista (Jella Haase) attrice tedesca di successo, che veste con originale ‘cattiveria’ un personaggio non facile e che avrebbe potuto trasformarsi in una macchietta.

Tra il rischio di stereotipi e banalità e il difficile tema della politica ai tempi della Guerra fredda, si sarebbe potuti scivolare nel cliché del classico serial sulle Spie fredde e glaciali della Stasi e KGB, con sfilza di cadaveri al seguito e macchinazioni varie e una bella e longilinea femme fatale nei panni della Spia rubacuori.

Niente di tutto questo. Klèo è una ragazza all’apparenza comune, niente fisico da modella, sguardo aperto alla miriade di emozioni tipiche della sua età, freddezza da super spia, ma cuore sensibile all’occorrenza, (poca), trauma infantile alle spalle, ma niente pietismo.

kleo

In un clima Pop anni 80, tra scene Disco e rigide stanze di addestramento, in 8 episodi il serial ci trasporta nel mondo avariato di Klèo, fatto di assenze importanti, tradimenti familiari, delitti efferati, maternità mancata, desiderio di vendetta alla Kill Bill di Tarantino e molto altro.

É proprio la pellicola di Quentin Tarantino quella che maggiormente sembra aver ispirato il regista di Klèo, il cui tema principale è quello della vendetta. Qui Non c’è la maestosa Sposa  Uma Thurman con la sua tuta gialla e la spada di Hattori Hanzo, ma c’è la piccola Kléo con la sua divisa blu, le parrucche interscambiabili, i suoi micidiali frullati e le sue risatine isteriche.

Un mix di scene action ben girate, una sceneggiatura brillante e funzionale e un cast convincente. Formula di un  giusto e meritato successo.

Clicca sul link qui sotto per leggere il mio articolo precedente:

Previous articleAlberto Giacometti
Next articleSiamo tornati… col ❤️
Sono Sandra Orlando, mamma di Anna e Andrea, laureata in Lingue e insegnante. Faccio parte dell'Associazione Accademia e collaboro come Editor a SCREPmagazine. Dal 2020 Sono redattrice ed Editor nella redazione della rivista di Cinema Taxidrivers per cui ho ricoperto il ruolo di Programmatrice e Head of editorial Contents . Amo la letteratura, il cinema, la musica ed in genere tutto ciò che di artistico “sa dirmi qualcosa”. Mi incuriosisce l'estro dell'inconsueto e il sorriso genuino dell'umiltà intelligente.  Scrivere fa parte di me. 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here