L’agguato ha la pelle color oliva,

sguardo d’ebano e sorriso

che illude con malizia…

Alla festa dello stupore c’eri tu,

non ti conoscevo ma già mi mancavi.

I tuoi occhi,

sfumature di stelle color argento,

entrano nelle mie crepe…

L’arsura del tormento respira aria viva

e l’attimo diventa senza fine.

L’emozione,

luce che illumina il tramonto…

Sa che l’indomani sarà ancora adolescente. 

Articolo precedenteVuoto a perdere…di Tommaso Cozzitorto
Articolo successivoIl generale invincibile?
Pino Gaudino
Sono Giuseppe Gaudino, lavoro come operatore socio- sanitario presso un centro per diversamente abili. Il mio percorso letterario prende ispirazione dalla malinconia che circonda qualsiasi forma d’amore, quando l’energia vitale che il dolore infonde nell’anima diventa la strada per rinascere e giungere alla propria serenità interiore. Amo scrivere. Ho pubblicato un libro di poesie dal titolo “Se perdi il filo segui il cuore “, arrivato al secondo posto della IXa edizione 2020 del Premio Letterario Nazionale "Un libro amico per l’inverno". Con grande soddisfazione una mia poesia - "Destino senza meta" - è risultata vincitrice del Premio di Poesia e Narrativa “Città di Arcore 2019”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui