“Il mio sogno” di Pino Gaudino

122409

Il frastuono seduto dietro la finestra,

guarda stancamente le ore sparse per terra…

Con mano incerta accarezza l’ombra

che parla con il sole.

La vita brilla di meraviglia ed è sera.

Nasce un nuovo tempo,

le sedie vuote prendono forma…

Anime fiorite fresche,

giocano con le lucciole inseguendosi nel vento.

Finalmente ritrovo casa.

bambino prodigio che unisce i colori

per legare l’arcobaleno,

ragazzo che ama il mare ma non crede alle sirene,

uomo che conosce il sapore di baci tempestosi…

Costruisco un sogno che parla di me.

Previous articleFacebook e l’agorà personale
Next articleBerthe Morisot (parte quarta)
Sono Giuseppe Gaudino, lavoro come operatore socio- sanitario presso un centro per diversamente abili. Il mio percorso letterario prende ispirazione dalla malinconia che circonda qualsiasi forma d’amore, quando l’energia vitale che il dolore infonde nell’anima diventa la strada per rinascere e giungere alla propria serenità interiore. Amo scrivere. Ho pubblicato un libro di poesie dal titolo “Se perdi il filo segui il cuore “, arrivato al secondo posto della IXa edizione 2020 del Premio Letterario Nazionale "Un libro amico per l’inverno". Con grande soddisfazione una mia poesia - "Destino senza meta" - è risultata vincitrice del Premio di Poesia e Narrativa “Città di Arcore 2019”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here