Quando incontriamo il silenzio, dobbiamo saperlo ascoltare.

Una questione di empatia, di immersione totale in quell’assenza di rumore, di distrazione, di mondo esterno.

Accade quando entriamo in contatto con la bellezza, quella leggera, che guarda, scruta e non appassisce.

La stessa bellezza che trasloca nella nostra anima e le regale calma e serenità.

Essa abita luoghi ameni, che sanno sanare ferite e colmare le mancanze.

Si tratta di un viaggio introspettivo alla scoperta di uno spazio intangibile sempre aperto e che ci regala la possibilità di conoscere noi stessi e gli altri senza sperare di essere, perché in quel momento siamo certi di esistere.

Tutto tace, persino i pensieri s’addormentano.

Tutto è pace. Intorno e dentro. Ogni volta che il cuore ce lo chiede.

Un cancello blu cobalto
chiude il ripostiglio del silenzio,
leale passeggero d’una zattera d’aria.

Lo sguardo attento recinta la quiete
dentro il giardino della mente
ancorandola all’Eternità.

E ogni volta che il cuore lo chiede
la memoria apre una finestra
su quell’oasi di pace
per ascoltare dentro
l’eco della serenità.

📷✍️ Federica Rainaldi

Articolo precedenteLa maschera di Amleto
Articolo successivoPillole di bellezza: la cipria
Federica Rainaldi
Sono Federica Rainaldi. Scrivo per passione, ma non sono una scrittrice. Ho frequentato il Liceo Scientifico solo per capire che la mia strada era un'altra. Ho perseguito, infatti, la laurea in Scienze dell'Educazione perché sono sempre stata affascinata da tutto ciò che riguarda la sfera emotiva, emozionale e soprattutto umana di ogni uomo. Amo leggere, fotografare angoli di Mondo e scrivere specie poesie; i miei versi, spesso ma non sempre, raccontano la bellezza della mia Terra d'Abruzzo. Mi diletto anche nella formulazione di aforismi e riflessioni personali.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui