Per leggere la parte precedente clicca qui:

Credevo in te (Parte 11a) di Grazia Bologna

Giorni funesti si abbattono sulla famiglia Dalmasso.

Ilaria non intende più condividere la camera con il marito, motivo per cui, Renato, per alcuni giorni dorme nella camera degli ospiti e, stranamente, quelle sere rientra in casa, regolarmente.

Cosa sia accaduto con Alma, è inevitabile…Avendole raccontato tutto, sente il bisogno di stare da solo per riflettere e prendere le sue decisioni.

Ilaria, per sua volontà, preferisce rimanere in casa senza voler vedere, né sentire nessuno.

Riesce, a malapena, a rispondere alle telefonate delle figlie che, essendo venute a conoscenza della situazione, cercano di invogliarla ad essere forte e farsene una ragione.

Il clima, in quella casa è davvero pesante…Il telefono squilla a tutte le ore, ma nessuno osa  rispondere per ordine di Ilaria.

Iris è l’unica che la sorregge dandole compagnia e il suo supporto.

Ma un bel mattino,  di buon ora,  mentre Renato scende le scale per recarsi allo studio, incrocia Giampiero, l’attore che affianca Ilaria, nel film che stanno girando.

Lei catturata dalla voce di Renato, si affretta ad origliare  e scorge  i due uomini salutarsi.

Renato va via e, in modo fulmineo,  si ritrova Giampiero, di fronte, che la guarda con occhi languidi e la bacia dolcemente sulla guancia.

Molto impacciata, la donna  si ritrae e lo invita ad entrare per offrirgli un buon caffè preparato da Iris.

L’uomo accetta volentieri e approfitta per chiederle  quando rientrerà al lavoro.

Vi è un momento di silenzio…Con voce tremula e molto disagio, la donna risponde che ha un forte esaurimento nervoso che non le permette, in questo momento, di recitare.

<<E’ un gran casino!>>  Mormora Giampiero quasi incredulo, dal momento che Ilaria è molto bella e curata…Infatti dal suo aspetto, non si direbbe!

Si è fatto mezzogiorno, Giampiero deve rientrare…Con molta educazione e galanteria, saluta le sognore e si congeda da loro…

C O N T I N U A

Grazia Bologna

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui