Artisti e poeti del terzo millennio di Sonia Demurtas

211991

La copertina del volume Artisti e Poeti del terzo millennio a cura di Sonia Demurtas, volume dedicato ai migliori artisti del territorio nazionale, sarà l’immagine di un opera scultorea di Antonio Affidato, artista di rilievo presente nel Catalogo d’Arte e poesia contemporanea con alcune sue opere, una sua foto personale e biografia.

Antonio Affidato nasce a Crotone il 21/10/1994, figlio d’arte inizia la sua formazione già da piccolo all’interno della bottega orafa di famiglia, apprendendo le tecniche e le lavorazioni dei metalli nobili, dopo l’Istituto d’Arte con indirizzo Oreficeria si iscrive all’Accademia di Belle Arti di Catanzaro, laureandosi con il massimo dei voti in Arti Visive indirizzo Scultura, la passione per la scultura porta un’evoluzione nella sua ricerca artistica, basata sul connubio tra oreficeria e scultura, sui temi, la storia e i personaggi della sua cara terra, la Calabria.

Dopo un Master in Management tra Roma e Philadelphia, Antonio conclude i suoi studi artistici all’Accademia di Belle Arti di Brera, dove anche qui si laurea con il massimo dei voti con una tesi sulla Scultura/Gioiello.

Parallelamente alla sua ricerca artistica, Antonio affianca il padre nell’azienda di famiglia nella gestione e nella progettazione delle linee di gioielli artigianali magno-greci/bizantini, premi nazionali e internazionali, come il Festival di Sanremo e opere d’arte sacra, nel 2022 diventa uno degli artisti all’interno del Calendario del 50° anniversario del ritrovamento dei Bronzi di Riace con la sua mostra personale “Rara AVIS” presso la Pinacoteca Civica di Reggio Calabria.

Mostra che proietterà Antonio in un panorama Nazionale, vincendo il XXII Premio Internazionale Napoli Cultural Classic World. Oggi è Docente presso L’Accademia di Belle Arti di Catanzaro per le cattedre di Design del gioiello e Design dell’accessorio.

Antonio Affidato fa parte della commissione esaminatrice del concorso d’arte contemporanea a cura di Sonia Demurtas.

Il 17 marzo  mostra a Crotone

Previous articleIn assenza di te
Next article“Papà” di T. Nechita
Maria Luana Ferraro
Sono Maria Luana Ferraro, consulente aziendale e mi occupo anche di finanza personale. I calcoli sono il mio lavoro, le parole la mia passione. Fin da bambina, anziché bambole e pentoline, chiedevo libri, quaderni e penne. A sei anni ho ricevuto la mia prima macchina da scrivere. Appassionata di letteratura italiana e straniera, il mio più grande sogno è sempre stato diventare giornalista. Sogno che, piano, si sta realizzando. Socia fondatrice della “Associazione Accademia & Eventi”, da agosto 2018 collaboro con “SCREPMagazine” curando varie rubriche ed organizzando eventi. Fare questo mi permette di dare risalto a curiosità e particolarità che spesso sfuggono. Naturalmente, in piena coerenza con ciò che è il mio modo di interpretare la vita…eccolo: “Quando la mente è libera di spaziare, i confini fisici divengono limiti sottili, impercepibili. Siamo carcerieri e carcerati di noi stessi. Noi abbiamo le chiavi delle nostre manette. La chiave è la conoscenza: più conosci, più la mente è libera da preconcetti e ottusità. Più la mente è aperta, più si ha forza e coraggio così come sicurezza. Forza, coraggio e sicurezza ti spingono a tentare l’impossibile affinché divenga possibile.”

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here