Angusta artefice dei miei pensieri
straripa spesso nei labirinti, nei misteri
nelle grondaie arrugginite d’avi mercenari.
Mente che ti illumina se tu volessi
se davvero cercassi
nei tuoi passi
il senso dei tuoi successi.
Viosionaria e mutevole
la mente dalla veste incantevole
che ha il potere di renderti irragionevole
inconsapevole, immutevole.
Ti inganna con la paura
ti lega con la finta premura
e ti uccide con la sintesi d’una visione oscura.

Umberta Di Stefano

Articolo precedente“La città della gioia” di Emanuela Muraca
Articolo successivo“Elogio breve alla pastiera” di Francesco Andreoli
Umberta Di Stefano
Mi chiamo Umberta Di Stefano e sono nata e cresciuta a Ceccano (FR), dove vivo. Sposata, mamma di tre ragazzi (Andrea, Chiara e Valeria), grande lavoratrice fino a qualche anno fa. Oggi mi dedico alla mia famiglia, alla lettura, alla scrittura e collaboro con molte associazioni nazionali e locali. Scrivo dal 2013, dalla data della mia prima opera “L’Angelo che prestò le sue Ali ad una Fenice”, ma in cuor mio l’ho sempre fatto. Data la mia pessima “grammatica giovanile”, ciò che realmente la vita aveva in serbo per me, s’è quindi rivelato in tarda età. Sono in varie raccolte di poesie delle “Edizioni il Viandante”, Casa Editrice che mi ha tenuta a battesimo e ciò non si può dimenticare. Con loro ho pubblicato nel 2018 “Un Angelo senza Memorie”. Oggi sono una donna ancora più determinata ad imparare tutto ciò che mi manca per poter raccontare le tante verità, dal mio punto di vista, secondo la maturità che ho raggiunto in questi anni e che spesso il mondo fa finta di non vedere. Dio ci benedica tutti!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui