“Senza nome” di Maria Cristina Adragna

216993

Nel 2014, in seguito ai bombardamenti avvenuti a Gaza, una foto destò un diffuso sentimento di tenerezza.

Una ragazzina fu immortalata da una macchina fotografica “sensibile”, mentre tentava di recuperare i suoi libri tra le macerie.

Sono trascorsi nove anni da quegli accadimenti e Gaza piange di nuovo.

O forse…

Non ha mai smesso di piangere…

SENZA NOME
Se solo potessi dar luce ai tuoi giorni
andresti ad intinger le mani nel cielo,
tu sogni una tregua, pregando che torni,
e un mondo cosparso di zucchero a velo.
Se ancora sapessi che gioia è la vita
un solo tuo passo parrebbe una danza,
così allevieresti ciascuna ferita,
oh bimba vestita di verde speranza.
Dei libri salvati divora le righe
cibandoti ancora di buona cultura,
se vuoi che somigli ad un campo di spighe
di questa esistenza tu abbi gran cura.
Che importa sapere che nome ti han dato
se tra le tue braccia dimora l’immenso?
A questo universo braccato dal fato
hai riconsegnato il mondo e il suo senso.

Maria Cristina Adragna

Previous articleCalabria Film Commission al MIA di Roma
Next articleLe recensioni del Sabato
Maria Cristina Adragna
Siciliana, nasco a Palermo e risiedo ad Alcamo. Nel 2002 conseguo la Maturità Classica e nel 2007 mi laureo in Psicologia presso l'Università di Palermo. Lavoro per diverso tempo presso centri per minori a rischio in qualità di componente dell'equipe psicopedagogica e sperimento l'insegnamento presso istituti di formazione per operatori di comunità. Da sempre mi dedico alla scrittura, imprescindibile esigenza di tutta una vita. Nel 2018 pubblico la mia prima raccolta di liriche dal titolo "Aliti inversi" e nel 2019 offro un contributo all'interno del volume "Donna sacra di Sicilia", con una poesia dal titolo "La Baronessa di Carini" e un articolo, scritti interamente in lingua siciliana. Amo anche la recitazione. Mi piace definire la poesia come "summa imprescindibile ed inscindibile di vissuti significativi e di emozioni graffianti, scaturente da un processo di attenta ricerca e di introspezione". Sono Socia di Accademia Edizioni ed Eventi e Blogger di SCREPmagazine.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here