La luce sale e libera il mattino,

I sogni impastati da riti pagani,

sbadigliano e si sciolgono dentro

il tuo respiro…

Dopotutto è un giorno normale.

Evito di parlare,

sperando che il gioco continui,

Il cuore non vuole venire via,

spaccato in due cola sangue…

Dopotutto succede a tutti.

Va via quel giorno,

senza trilli o false illusioni sbatte la porta

e rotola via,

il dolore affonda le unghie dentro l’aria pulita…

I sapienti che insegnano la vita avevano previsto tutto.

Articolo precedenteIl Centro in Italia? Una vera e propria palude
Articolo successivoCamille Corot (parte terza)
Pino Gaudino
Sono Giuseppe Gaudino, lavoro come operatore socio- sanitario presso un centro per diversamente abili. Il mio percorso letterario prende ispirazione dalla malinconia che circonda qualsiasi forma d’amore, quando l’energia vitale che il dolore infonde nell’anima diventa la strada per rinascere e giungere alla propria serenità interiore. Amo scrivere. Ho pubblicato un libro di poesie dal titolo “Se perdi il filo segui il cuore “, arrivato al secondo posto della IXa edizione 2020 del Premio Letterario Nazionale "Un libro amico per l’inverno". Con grande soddisfazione una mia poesia - "Destino senza meta" - è risultata vincitrice del Premio di Poesia e Narrativa “Città di Arcore 2019”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui