Potresti

130303

Potresti…

…un giorno potresti ritrovarti
ad aver dimenticato i contrasti,
i momenti tosti,
i conflitti e il dolore che provasti.

Dimenticare
Allontanare
Evitare di soffrire
Reggere e…
Sopportare.

Potresti dimenticare ore, mesi ed anche anni,
ove soffristi gli affanni
gli inganni,
ove in cor tuo subisti i malanni.

Alcune vite han troppo sofferto,
e, a furia di voler scordare il torto,
han cancellato dalle proprie memorie quasi tutto.

Scordar persone,
luoghi e chimere in pensione.
Far sparire dai ricordi l’illusione,
che t’ha tolto respiro, speranze e t’ha ucciso la passione.

Potresti…
…dovresti.

Il poco che gli resta fra le dita,
è sol qualche frammento di gioia infinita
quella che… Ahimè, non dura tutta la vita.

Per non soffrire
alcuni preferiscono dimenticare,
tenendo con sé solo le emozioni
che han guadagnato un posto dove restare.

Potersi..
Dimenticare i contrari
i momenti tosti
eppure tutti i disastri…

Potresti…

Ma, se il cuore non ha intenzione di farlo,
tu smettila di implorarlo.

Nulla che t’abbia toccato
andrebbe mai dimenticato,
perché, seppur potrebbe esse qualcosa che t’ha accoltellato…

De certo, qualcosa t’ha insegnato.

Potresti…
ma tu continua ad amare,
qualcosa di bello te può sempre capitare…

Umberta Di Stefano
P7A/25/6/21

 

Clicca sul link qui sotto per leggere il mio articolo precedente:

Previous articleEstate, tempo di vacanze
Next articlePeder Severin Kroyer (parte seconda)
Mi chiamo Umberta Di Stefano e sono nata e cresciuta a Ceccano (FR), dove vivo. Sposata, mamma di tre ragazzi (Andrea, Chiara e Valeria), grande lavoratrice fino a qualche anno fa. Oggi mi dedico alla mia famiglia, alla lettura, alla scrittura e collaboro con molte associazioni nazionali e locali. Scrivo dal 2013, dalla data della mia prima opera “L’Angelo che prestò le sue Ali ad una Fenice”, ma in cuor mio l’ho sempre fatto. Data la mia pessima “grammatica giovanile”, ciò che realmente la vita aveva in serbo per me, s’è quindi rivelato in tarda età. Sono in varie raccolte di poesie delle “Edizioni il Viandante”, Casa Editrice che mi ha tenuta a battesimo e ciò non si può dimenticare. Con loro ho pubblicato nel 2018 “Un Angelo senza Memorie”. Oggi sono una donna ancora più determinata ad imparare tutto ciò che mi manca per poter raccontare le tante verità, dal mio punto di vista, secondo la maturità che ho raggiunto in questi anni e che spesso il mondo fa finta di non vedere. Dio ci benedica tutti!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here