“Ogni volta che mi manchi” di Maurizio Gimigliano

111966

I morsi della fame
ti scavano dentro
partendo dallo stomaco.
Poi ti annebbiano i sensi
indeboliscono le gambe
e tolgono il fiato.
Mi sento così
ogni volta che mi manchi.
Mi fa male tutto
a partire dall’anima. 
Come un inquietudine
che prima ti serpeggia dentro
e poi appena prende forma
urla il tuo nome. 
Come una speranza
che appare e poi
si dissolve come nebbia.
Come una conchiglia
che ha smarrito la sua casa. 
Così mi fai sentire
quando non ci sei.
E ti bramo
come acqua nel deserto. 
Come se il mio sangue
avesse bisogno delle tue dita
per farmi sentire vivo.
Come se senza i tuoi occhi
fossi un cieco
che vaga sperduto. 
Come se non sussurri
nelle mie orecchie
il mio nome
io non esistessi…

Maurizio Gimigliano © Copyright 2020

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here