Lezioni di vita

184317

Caro professore,

insegni al mio ragazzo che non tutti gli uomini sono giusti, non tutti dicono la verità; ma la prego di dirgli pure che per ogni malvagio c’è un eroe, per ogni egoista c’è un leader generoso.

Gli insegni, per favore, che per ogni nemico ci sarà anche un amico e gli faccia capire che vale molto più una moneta guadagnata con il lavoro che una moneta trovata.

Gli insegni a perdere, ma anche a saper godere della vittoria, lo allontani dall’invidia e gli faccia riconoscere l’allegria profonda di un sorriso silenzioso.
Lo lasci meravigliare del contenuto dei suoi libri, ma gli conceda anche il tempo per distrarsi con gli uccelli nel cielo, i fiori nei campi, le colline e le valli.

Nel gioco con gli amici, gli spieghi che è meglio una sconfitta onorevole di una vergognosa vittoria, gli insegni a credere in se stesso, anche se si ritrova solo contro tutti.

Gli insegni ad essere gentile con i gentili e duro con i duri e gli faccia imparare a non accettare le cose solamente perché le hanno accettate anche gli altri.

Gli insegni ad ascoltare tutti ma, nel momento della verità, a decidere da solo.

Gli insegni a ridere quando è triste e gli spieghi che qualche volta anche i veri uomini piangono.

Gli insegni ad ignorare le folle che chiedono sangue e lo esorti a combattere anche da solo contro tutti, quando è convinto di aver ragione.

Lo tratti bene, ma non da bambino, perché solo con il fuoco si tempera l’acciaio.
Gli faccia conoscere il coraggio di essere impaziente e la pazienza di essere coraggioso.

Gli trasmetta una fede sublime nel Creatore e gli insegni ad avere fiducia anche in se stesso, perché solo così può avere fiducia negli uomini.

So che le chiedo molto, ma veda cosa può fare, caro maestro.

Abraham Lincoln

“Una maestra ti prende per mano,ti tocca la mente,ti apre il cuore.”

Anonimo

“La vita è un lungo cammino,dove sei maestro e studente.A volte insegni,ma ogni giorno impari.”

Anonimo

“Nessun bambino è perduto se ha un insegnante che crede in lui.”

B.B.

Sono gli insegnanti, che al pari, con la famiglia, contribuiscono alla crescita dei bambini.
Oggi che a causa del Covid, insegnare, abituare i bambini a sapere stare nella società, a condividere tempo e spazio con i compagni, sembra sempre più difficile.
Abbiamo bisogno tutti, non solo i bambini, di tornare alla normalità.
Anche se,idea mia personale, qualcosa è irrimediabilmente cambiata.
Mi auguro che a poco a poco ritorneremo ad aprirci agli altri senza paura, ad abbracciarci e coccolarci, a scambiare carezze, perché l’affetto tangibile è uno dei doni più belli.

Ritorneremo a credere nei maestri e nelle maestre che amano il loro lavoro e nei bambini discoli ma educati e soprattutto nei genitori che decidono di levarsi i paraocchi e smettono di difendere i figli anche quando hanno torto.
Non è importante eccellere o primeggiare, è importante saper convivere con tutti.

MAESTRA (gogyohka)

Tu insegni io imparo
tu mi inciti io mi impegno
se tu mi sorridi io sono sereno
le tue preziose orme seguo

Antonella Ariosto

Clicca sul link qui sotto per leggere il mio articolo precedente:

1 COMMENT

  1. Bellissima lettera, ricca di emozione e significato, proprio esempi di vita e ancora una volta la scrittrice ci dimostra la sua sensibilità.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here