La vecchia valigia

250398

C’era una volta una vecchia valigia che si trovava in una soffitta polverosa. Era una valigia grigia dall’aspetto malandato, con chiusure arrugginite e manici logori.

La valigia si sentiva sola e trascurata, ma non aveva mai perso la speranza di trovare qualcuno che l’avrebbe amata.

Un giorno, un giovane signore entrò nella soffitta. Era alla ricerca di vecchi oggetti da portare al mercatino delle pulci. Quando vide la vecchia valigia si fermò e la prese tra le mani, notando le sue imperfezioni ma anche la sua bellezza intrinseca.

Decise di portarla a casa e darle una nuova vita.

Il giovane signore pulì la valigia, cambiò le chiusure arrugginite e aggiustò i manici logori. Rinforzò gli angoli deboli e le diede una nuova verniciatura. La vecchia valigia sembrava rinata, splendente e pronta per una nuova avventura.

Il giovane signore la portò con sé in molti viaggi. La valigia si sentiva finalmente amata e apprezzata.

Ma non era solo la compagnia del giovane signore che le rendeva felice.

Lentamente, la valigia si rese conto di provare qualcosa di diverso, qualcosa che non aveva mai provato prima: si era innamorata del suo proprietario.

La valigia amava essere riempita con i vestiti e gli oggetti personali del giovane signore. Amava essere trasportata di qua e di là, esplorando nuove città e luoghi. Era felice quando veniva aperta e vedeva il giovane signore prendere e riporre i suoi effetti personali con cura.

Il giovane signore, però, non sapeva dell’amore segreto della valigia per lui.

Continuava ad usarla come un normale oggetto, senza rendersi conto dei sentimenti che la valigia provava per lui.

Un giorno, durante un viaggio in montagna, la valigia si ruppe una delle cerniere. Il giovane signore, vedendo la sua amata valigia danneggiata, decise di ripararla.

Mentre la sistemava, trovò un vecchio biglietto d’amore nascosto nel rivestimento interno della valigia. Era un biglietto scritto da molto tempo fa, indirizzato a un’altra persona. Il giovane signore lo lesse con curiosità e si rese conto dei veri sentimenti della valigia.

Da quel giorno, il giovane signore trattò la valigia con ancora più amore e rispetto, rendendosi conto dell’affetto che essa provava per lui. Anche se non poteva corrispondere ai sentimenti della valigia, sapeva che la valigia sarebbe stata sempre al suo fianco, pronta ad accompagnarlo in ogni suo viaggio.

E così, la vecchia valigia trovò la sua felicità nell’amare segretamente il giovane signore, anche se sapeva che quello che davvero contava era la sua compagnia e le meravigliose avventure che avevano vissuto insieme.

Angela Amendola

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here