La riservatezza

248457

Riservatezza, una parola che nel tempo ha smarrito la sua corazza.

Anch’essa si è lasciata contaminare, travolgere dalla visibilità mediatica, dal bisogno di doversi svestire di tutti gli anni trascorsi a coprirsi, a nascondersi, a cercare di proteggersi.

Non ha mai amato le luci della ribalta, le folle oceaniche, il mettersi in mostra a tutti i costi per obbedire alle nuove leggi che regolano la comunicazione.

Una vera e propria crisi di identità.

Una rivoluzione!

Perché tutto deve essere aperto, tutto deve essere esibito, offerto su di un piatto d’argento. Al bando le inibizioni e i pregiudizi!

Ci si ascoltava in gran segreto, ci si raccontava tante cose, quando si rimaneva da soli con se stessi.

E nelle camere chiuse della nostra segretezza non mancava proprio nulla.

Nel silenzio ovattato, discreto c’era un continuo bisbigliare, un parlottare sottovoce, per paura di spegnere quell’equilibrio, che sapeva di un’intimità da custodire, tenere al riparo.

Era un silenzio che sapeva tutto di noi e della nostra vita.

Questo ci bastava.

Piera Messinese

Previous article“a tu per tu con…” Stefania Convalle
Next articleLa Pietra della pazienza e la “dizi” Terra amara
Sono nata il 13 Novembre del 1966 a Lamezia Terme, in Calabria, ove risiedo. Sono sposata ed ho una figlia. Se dovessi scegliere un attributo che possa caratterizzarmi, questo sarebbe “eclettica”. Sono “governata da uno spirito fortemente versatile” che mi dà energia, per cui mi sento letteralmente assetata di nuovi stimoli. Sono innamorata della scrittura da sempre e la mia formazione classica ha contribuito a mantenere vivo in me tale sentimento. Grazie alla passione per i classici latini e greci in primis ed in seguito agli studi universitari in Medicina e Chirurgia, ho potuto rendere creativa la mia elasticità mentale. Ma “illo tempore fu il Sommo” a rubarmi il cuore e così “Galeotta fu la Divina". Amo, quindi, leggere e scrivere e ritengo che ciò sia fondamentale per la crescita di ogni individuo. Flaubert diceva: _”Non leggete, come fanno i bambini, per divertirvi o, come fanno gli ambiziosi, per istruirvi. No, leggete per vivere.”… Sono Socia Fondatrice di “Accademia Edizioni ed Eventi”, Associazione culturale con sede a Roma che si occupa di cultura e di promuovere il talento. Scrivo su SCREPmagazine, rivista dell'Associazione, su cui curo varie rubriche.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here