“Il mio corallo” di Pino Gaudino

123414

Sfilo i tuoi capelli,

mettendo a nudo isole e mari diversi,

mi avventuro tra seducenti onde

e canti di sirene…

Un sorriso dà luce a una spiaggia senza orme.

Il vento l’accarezza,

scie di profumi schiudono insenature

al mio vagabondare…

Approdo dentro una barriera corallina,

dipinta con il brillio dei tuoi occhi.

Sognatore mai sazio riposo le mie emozioni.

Ti ho vista da bambino,

dentro una cartolina che inebriava la mia fantasia,

da ragazzo ti ho cercato in mille porti,

da uomo finalmente ti ritrovo…

Annegherò dentro te per ascoltarti sempre.

Previous articleTutti a scuola?
Next articleJames Whistler (parte prima)
Sono Giuseppe Gaudino, lavoro come operatore socio- sanitario presso un centro per diversamente abili. Il mio percorso letterario prende ispirazione dalla malinconia che circonda qualsiasi forma d’amore, quando l’energia vitale che il dolore infonde nell’anima diventa la strada per rinascere e giungere alla propria serenità interiore. Amo scrivere. Ho pubblicato un libro di poesie dal titolo “Se perdi il filo segui il cuore “, arrivato al secondo posto della IXa edizione 2020 del Premio Letterario Nazionale "Un libro amico per l’inverno". Con grande soddisfazione una mia poesia - "Destino senza meta" - è risultata vincitrice del Premio di Poesia e Narrativa “Città di Arcore 2019”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here