Spesso faccio un sogno.

Anche il solo sognarlo, il mare, placa la mia tempesta.

Sogno d’essere in mezzo al mare

a godermi i sussurri primordiali della sua lingua.

Un linguaggio

che solo chi lo conosce può capire.

Per gli altri è solo rumore

un monologo costante ed eterno.

Ma per chi il mare lo ha dentro,

è come una madre il cui figlio non sa proferir parola:

eppure lei lo comprende.

Non ha occhi in cui leggere il mare,

non ha labbra per parlare,

non ha orecchie per sentire…

Eppure chi lo ama

comprende il suo eterno monologo, i suoi sussurri…

Un linguaggio universale.

Non lo abbracci tutto con lo sguardo

né puoi contenerlo fra le braccia.

Lo senti dentro il mare:

la sua forza, la sua maestosità,

la vita che scorre sotto la superficie…

Il mare è l’orologio dell’anima.

Un’anima che trova pace

quando trova un ritmo che la accompagna…

Ferraro Maria Luana

Articolo precedenteGenesis – Supper’s Ready – la fine
Articolo successivoMichelangelo Merisi detto il Caravaggio (parte terza)
Maria Luana Ferraro
Sono Maria Luana Ferraro, consulente aziendale e mi occupo anche di finanza personale. I calcoli sono il mio lavoro, le parole la mia passione. Fin da bambina, anziché bambole e pentoline, chiedevo libri, quaderni e penne. A sei anni ho ricevuto la mia prima macchina da scrivere. Appassionata di letteratura italiana e straniera, il mio più grande sogno è sempre stato diventare giornalista. Sogno che, piano, si sta realizzando. Socia fondatrice della “Associazione Accademia & Eventi”, da agosto 2018 collaboro con “SCREPMagazine” curando varie rubriche ed organizzando eventi. Fare questo mi permette di dare risalto a curiosità e particolarità che spesso sfuggono. Naturalmente, in piena coerenza con ciò che è il mio modo di interpretare la vita…eccolo: “Quando la mente è libera di spaziare, i confini fisici divengono limiti sottili, impercepibili. Siamo carcerieri e carcerati di noi stessi. Noi abbiamo le chiavi delle nostre manette. La chiave è la conoscenza: più conosci, più la mente è libera da preconcetti e ottusità. Più la mente è aperta, più si ha forza e coraggio così come sicurezza. Forza, coraggio e sicurezza ti spingono a tentare l’impossibile affinché divenga possibile.”

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui