“Il baratto” di Pino Gaudino

132088

Pochi istanti di felicità si nascondono

dentro un vecchio giorno,

impressa su un biglietto senza ritorno,

la vita lentamente cerca il sonno…

Scorre e rimbalza inebriandosi di riccioli

che sanno di fiori.

Al cuore non serve riposo ma battiti per trasformarli in ricordi.

Ritorno al levar del sole,

il tuo viso color miele si intreccia con la luce,

l’aurora dorata tinge il tuo respiro… 

Non mi aspettavi dentro il tuo tempo

passato a sfogliare le ombre scambiate per amore.

Pensavi spensieratamente che tutto era delebile.

Il baratto fu semplice, la mia memoria per i tuoi istanti.

Clicca per leggere il mio articolo precedente:

https://screpmagazine.com/i-mari-del-sud/

Previous article“Senza neanche saper nuotare” di Maurizio Gimigliano
Next articleNessun dorma
Sono Giuseppe Gaudino, lavoro come operatore socio- sanitario presso un centro per diversamente abili. Il mio percorso letterario prende ispirazione dalla malinconia che circonda qualsiasi forma d’amore, quando l’energia vitale che il dolore infonde nell’anima diventa la strada per rinascere e giungere alla propria serenità interiore. Amo scrivere. Ho pubblicato un libro di poesie dal titolo “Se perdi il filo segui il cuore “, arrivato al secondo posto della IXa edizione 2020 del Premio Letterario Nazionale "Un libro amico per l’inverno". Con grande soddisfazione una mia poesia - "Destino senza meta" - è risultata vincitrice del Premio di Poesia e Narrativa “Città di Arcore 2019”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here